Covid: rider in piazza a Torino, diritti anche per noi

Protesta in piazza Castello

(ANSA) - TORINO, 30 OTT - I rider sono scesi in piazza, a Torino, per dire no al nuovo contratto Ugl-Assodelivery. Questa volta a manifestare in piazza Castello sono stati i fattorini rappresentati da Cgil-Cisl-Uil e non quelli auto organizzati, come invece era accaduto le scorse settimane.
    "Dal 3 novembre - denunciano i manifestanti - con l'entrata in vigore del contratto il pagamento previsto per le consegne relative alle piattaforme come, ad esempio, Glovo, Just Eat e Deliveroo, sarà variabile in base al tempo di ogni consegna e non viene più pagato il tempo di attesa per il ritiro o il tempo in più derivato da traffico e pioggia".
    I rider rivendicano il diritto a un monte ore settimanale garantito, a malattia, ferie e permessi retribuiti, al riconoscimento del lavoro notturno e festivo, alla gratuità degli strumenti di lavoro e alla libertà sindacale di rappresentanza. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie