Nuovo allestimento per il Museo Rai di Torino

Trasformato in studio televisivo, cimeli esposti senza vetrine

(ANSA) - TORINO, 25 SET - Nuovo allestimento per il Museo della Radio e della Tv della Rai di Torino, trasformato in una sorta di studio televisivo per raccontare oltre cent'anni di storia d'Italia. Tanti i cimeli, come il trespolo di Portobello, la poltrona verde di Quelli che il calcio, la cabina di Rischiatutto e gli arredi di Arrivi e Partenze, una delle prime trasmissioni Rai condotta da Mike Bongiorno all'inizio degli anni Cinquanta. E ancora microfoni, foto, filmati, radio storiche e macchine da presa. Il tutto a vista, senza vetrine.
    Un atto di fiducia nei confronti del visitatore, per farlo sentire come a casa.
    Realizzato dallo scenografo Fabrizio Serralungo, il nuovo allestimento è all'insegna del blu, il colore iconico della Rai.
    L'idea di rinnovare il museo è maturata durante il lockdown, nel corso di una serie di incontri su zoom tra il direttore del museo Alberto Allegranza e i direttori del Centro di Produzione Rai di Torino e della Tgr Piemonte, Guido Rossi e Tarcisio Mazzeo.
    Il museo, gratuito come sempre, riapre al pubblico il 26 e 27 settembre con visite guidate e in pieno rispetto delle norme Covid. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie