Sos dalla Sacra di San Michele, rischio chiusura

Don Papa, senza aiuti sarà difficile continuare nell attività

(ANSA) - TORINO, 03 LUG - Da due giorni sono di nuovo accese le luci esterne che illuminano il Monte Pirchiriano sul quale poggia la millenaria Sacra di San Michele , simbolo della Val Susa e del Piemonte, ma il rettore don Claudio Papa lancia un appello a credenti, turisti e cittadini perché sostengano economicamente l'Abbazia che ha come sola fonte di sostentamento, per la gestione e la cura, i visitatori.
    "La chiusura, seppur necessaria, di tutte le attività - spiega don Papa - ha causato un improvviso e imprevedibile crollo degli introiti. Situazione che ha messo a rischio il funzionamento del complesso generando anche difficoltà nella vita quotidiana. Ora più che mai l'aiuto è prezioso".
    Grazie al ripristino delle luci esterne, la Sacra è tornata ad essere un segno luminoso anche della via Francigena che conduce i pellegrini dal nord Europa fino alla Terra Santa. Un punto tra i sette santuari uniti dalla suggestiva 'Linea Sacra di San Michele"', una linea retta che va dall'Irlanda a Israele e che per oltre 2.000 chilometri attraversa l'Europa.
    "Ma senza aiuti - aggiunge don Papa - non so cosa sarà ancora possibile fare". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie