Rifugi alpini, regole ad hoc per riapertura in Piemonte

Sparisce l'obbligo del sacco a pelo, distanza ridotta a 1 metro

(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Nei rifugi alpini ed escursionistici del Piemonte non ci sarà più l'obbligo di usare il sacco pelo e la distanza interpersonale nei pernottamenti scende a un metro. Lo prevedono le nuove linee guida approvate dalla giunta regionale, su proposta degli assessori alla Sanità Luigi Icardi e alla Montagna Fabio Carosso, «Tuteliamo uno dei principali attori economici e culturali delle nostre montagne - sottolinea il presidente della Regione Alberto Cirio -. Dal rifugio simbolo Capanna Margherita, con i suoi 4.554 il più alto d'Europa, sono molti i rifugi che senza la nostra regolamentazione non avrebbero potuto aprire o garantire un servizio adeguato".
    Le disposizioni nazionali "non tenevano conto della specificità dei rifugi d'alta quota e non ne garantivano l'operatività - aggiunge Carosso - in Piemonte i rifugi rappresentano un punto di riferimento fondamentale, non solo a livello turistico ma come garanzia di sicurezza. un luogo in cui dare soccorso e riparo a chi è in situazione di pericolo".
    In Piemonte, lungo oltre 1.000 chilometri di Alpi e 15.000 chilometri di sentieri, sono presenti più di 200 rifugi escursionistici e alpini che garantiscono 6.000 posti letto e centinaia di posti di lavoro. Per sostenere la riapertura i la Regione ha destinato 2000 euro a fondo perduto a ogni rifugio nell'ambito del piano 'Riparti Piemonte'. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie