Protesta turismo, campagna social #cosinonriparto

Quasi 5.000 iscritti in un solo giorno per cambiare Dl Rilancio

(ANSA) - TORINO, 19 MAG - Il Manifesto per il Turismo Italiano e le imprese del turismo organizzato sono deluse e continuano a battersi affinché il decreto Rilancio venga modificato e integrato prima che diventi legge.Per manifestare il dissenso del settore, come atto di protesta, è stata lanciata la campagna social con il gruppo Facebook #cosinonriparto, che in un solo giorno ha raggiunto quasi 5.000 iscritti. Il gruppo invita tutta la filiera del turismo a postare immagini simboliche di imprenditori, lavoratori, agenti di viaggio che, metaforicamente, "fanno le valigie" dalla propria attività.
    Il decreto Rilancio - spiegano - non prevede nulla di significativo per il settore e distrugge le prospettive di ripresa del comparto, che conta 13.000 imprese tra agenzie di viaggi, tour operator e organizzatori di eventi, 80.000 addetti e un valore di 20 miliardi, a cui si aggiungono 650.000 posti di lavoro e 85 miliardi di volumi creati dall'indotto. Sono a rischio entro giugno oltre mezzo milione di occupati nella filiera.
    Quattro i punti su cui si chiede di intervenire: l'aumento della capienza del fondo per il turismo organizzato e gli eventi, modifiche agli ammortizzatori sociali e al tax credit vacanze (Bonus Vacanze), credito di imposta per gli affitti senza limiti di fatturato ed esteso anche alle aziende del turismo. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie