Piemonte

Pg, Caccia ucciso da 'controffensiva'

Saluzzo, ambienti vicini a giudici dietro omicidio procuratore

(ANSA) - TORINO, 28 GIU - Il magistrato torinese Bruno Caccia, ucciso nel 1983, fu vittima di una "controffensiva" di ambienti criminali nella cui orbita c'erano, fra l'altro, personaggi che "prosperavano vicino alla procura". Lo ha detto oggi Francesco Saluzzo, procuratore generale del Piemonte, durante una commemorazione.
    Le indagini dell'epoca accertarono contatti fra alcuni magistrati e un pregiudicato che gestiva un bar a pochi passi dai vecchi uffici della procura. Per il delitto Caccia comincerà a luglio il processo a uno dei presunti esecutori, il calabrese Rocco Schirripa, mentre un altro calabrese, Domenico Belfiore, nel 1993 è stato condannato all'ergastolo come mandante.
    "Perdemmo Caccia - ha detto Saluzzo - mentre aggrediva un tessuto criminale insidiosissimo". Dopo aver sottolineato che a Torino le indagini contro la 'ndrangheta si facevano già alla fine degli anni Settanta, il pg ha parlato di "ambienti" che avevano "la complicità o la non opposizione di magistrati opachi per non dire di peggio".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie