Asia Bibi: 220 cristiani sotto accusa

Per reato di blasfemia. Vescovi, 'ora giudici hanno paura'

di Manuela Tulli KARACHI

(ANSA) - KARACHI, 12 FEB - Se il nome di Asia Bibi, la pakistana cristiana assolta dalle accuse di blasfemia dopo nove anni nel braccio della morte, ha fatto il giro del mondo, ci sono decine di casi come il suo che vivono un quotidiano calvario, tra il carcere e le lungaggini giudiziarie. Secondo i dati forniti dalla Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Conferenza episcopale pakistana, oggi sono 220 i cristiani che si trovano nella stessa situazione in cui si trovava Asia Bibi prima di essere assolta. Su di loro pesa una condanna a morte. "Il caso Asia Bibi è importante, può davvero essere una svolta, ma noi dobbiamo continuare a sostenere legalmente i tanti cristiani che si trovano in quella stessa situazione", sottolinea la Commissione dei vescovi. E ora le pronunce dei giudici vanno a rilento "perché hanno paura, paura di sbagliare - dice all'ANSA il direttore Cecil Chaudhry - ma anche paura di essere attaccati dai fondamentalisti". Le pronunce a favore della donna cristiana hanno infatti scatenato imponenti manifestazioni di protesta da parte dell'ala più radicale dei musulmani.
    La legge sulla blasfemia considera un reato ogni ingiuria contro la religione islamica ma spesso è usata come un pretesto.
    Padre Emmanuel Yousaf, presidente della Commissione, porta come esempio l'attacco del 2013 alla St. John Colony, uno dei quartieri cristiani di Lahore, quando furono date alle fiamme 296 abitazioni, come ritorsione ad un presunto atto di blasfemia: "La realtà era che volevano appropriarsi del terreno, considerata la vicinanza del quartiere con le fabbriche di siderurgia". Un vescovo riferisce: "Basta un litigio, anche su una piccola questione, per arrivare all'accusa di avere profanato il Corano o il nome di Maometto. Asia Bibi è libera, il suo caso ha dimostrato a livello internazionale che quasi sempre le accuse sono infondate, ora però ci sono molti altri casi da proteggere".
    La Commissione Giustizia e Pace si occupa anche del sostegno a quelle persone che si convertono dalla religione islamica al cristianesimo. La legge non lo vieta ma poi lascia le persone in balia delle loro famiglie d'origine. E' il caso di Angela (nome di fantasia) che ha abbracciato la religione del marito lasciando l'Islam. Ora è costantemente minacciata dal fratello.
    "Chiunque qui può uccidere una persona che si è convertita, la mia casa è da anni una prigione dalla quale non posso uscire liberamente, non abbiamo amici. Non ho dubbi su quello che ho fatto, sulla mia fede in Cristo, ma ora cerco una sicurezza per i miei figli" dice sperando di ottenere un visto per ricostruire una vita all'estero.
    A raccogliere le testimonianze in questi giorni è stata la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. "Siamo in Pakistan per manifestare solidarietà - sottolinea il direttore di Acs-Italia, Alessandro Monteduro - ad una comunità cristiana che soprattutto recentemente ha subito una serie di attacchi che non abbiamo timore a definire anticristiani. Siamo venuti a far sentire loro la nostra vicinanza. Lo facciamo quotidianamente con i nostri progetti ma ci sono momenti in cui bisogna stringere le mani e abbracciare chi, solo per la sua fede, è costretto a subire forme di oppressione inaccettabili".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in