Acs, 11 nuovi progetti in Brasile

L'aiuto alle diocesi che forniscono cibo ai bisognosi

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 10 GIU - La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, nell'ambito della campagna a sostegno di sacerdoti e religiose impegnati nel servizio ai fedeli in aree interessate dal Covid-19, ha approvato 11 nuovi progetti per il Brasile, una delle nazioni più colpite dalla pandemia. Le iniziative di Acs andranno a beneficio di 169 sacerdoti, 31 seminaristi della diocesi di Teixeira de Freitas-Caravelas, 141 religiosi e religiose (138 di Salvador de Bahia e 3 di Aracaju), 56 laici missionari a Palmas, Parnaíba, Patos e Marajó. Per sostenere i progetti i benefattori della fondazione hanno dato il loro contributo attraverso offerte per la celebrazione di migliaia di Messe. La diocesi di Itapipoca si trova nello Stato di Ceará, nel nordest del Brasile. L'infezione da coronavirus è qui particolarmente diffusa. Don Francisco Danízio Silva in un colloquio con Acs ha spiegato che "attualmente non è possibile il contatto diretto con la nostra gente. Noi la stiamo aiutando per quanto possiamo attraverso social network come WhatsApp, Facebook e YouTube". La diocesi dispone anche di due radio, impiegate per restare al fianco dei fedeli. In alcune parrocchie per aiutare la popolazione i sacerdoti hanno organizzato una campagna per raccogliere provviste, successivamente utilizzate come pacchi viveri per i più bisognosi. "Di recente abbiamo fatto grandi sforzi per raccogliere fondi ma ora - riferisce il sacerdote - sta diventando veramente difficile perché la gente ha poco o nulla".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie