Omofobia: Cei,rischio derive liberticide

Vescovi esprimono "preoccupazione, non serve una nuova legge"

(ANSA) - ROMA, 10 GIU - "Non serve una nuova legge": lo afferma la Cei parlando del ddl contro l'omofobia all'attenzione del Parlamento. Per i vescovi "esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio". "Questa consapevolezza ci porta a guardare con preoccupazione alle proposte di legge attualmente in corso di esame presso la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati contro i reati di omotransfobia" perché "un'eventuale introduzione di ulteriori norme incriminatrici rischierebbe di aprire a derive liberticide".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie