Oltretevere

Gaza: appello Caritas International per garantire assistenza sanitaria

"Popolazione alla mercè dei bombardamenti e senza alcun rifugio"

    Caritas Internationalis lancia un appello speciale per portare assistenza medica alla popolazione colpita dai bombardamenti in corso a Gaza. Caritas Gerusalemme si sta preparando a rispondere ai bisogni urgenti delle migliaia di feriti e migliaia di persone costrette a lasciare le loro case.

    "I bombardamenti sono estremamente intensi. La popolazione di Gaza ha vissuto molte guerre durante molti anni, ma tutti sono d'accordo che questa volta è completamente diverso. Sono intrappolati in questa striscia di terra densamente popolata alla mercé di violenti bombardamenti aerei e senza un luogo in cui trovare rifugio". Così suor Bridget Tighe, segretario generale di Caritas Gerusalemme, ha descritto la situazione a Gaza, dove più di due milioni di persone vivono in un'area di circa 141 miglia quadrate.

    Dal 2007, la Striscia di Gaza è soggetta a un blocco totale controllato da Israele con una piccola sezione meridionale controllata dall'Egitto. Pertanto, i civili non hanno un posto dove nascondersi dai bombardamenti e nemmeno la possibilità di fuggire come rifugiati via terra o via mare. "La gente cerca di salvare la propria vita cercando rifugio nelle scuole, dove al 14 maggio, 17.000 avevano già trovato riparo".

    Secondo il Ministero della Sanità locale, il bilancio totale delle vittime a Gaza è attualmente di 197 persone, tra cui 58 bambini e 34 donne. Le vittime includono una madre e quattro dei suoi figli, che sono stati uccisi durante un attacco aereo che ha colpito degli edifici residenziali nel campo profughi di Al Shati, vicino alla clinica Caritas.

    A causa dei ripetuti attacchi ai civili e alle infrastrutture, Caritas Gerusalemme ha dovuto chiudere la clinica a causa dell'alto rischio che venisse colpita dai bombardamenti, molti dei quali hanno anche distrutto ampi tratti di alcune strade principali con il fine di impedire alle ambulanze di trasportare i feriti agli ospedali.

    "I continui bombardamenti non permettono ancora a Caritas Gerusalemme di intervenire, ma una volta che un cessate il fuoco entrerà in vigore, forniremo assistenza traumatologica ambulatoriale e assistenza sanitaria primaria essenziale nella nostra clinica", ha dichiarato suor Tighe.

    Lo stesso vale per le unità mobili e le squadre mediche della clinica, che negli ultimi anni hanno permesso di prestare cure mediche alla popolazione - soprattutto quelle traumatologiche per i feriti - anche nelle aree più remote e marginali, fornendo altresì un'educazione sanitaria e alimentare.

    Assieme alle necessarie condizioni di sicurezza, per poter agire Caritas ha bisogno anche di risorse adeguate al fine di fornire cure mediche, cibo e altri beni di prima necessità alle popolazioni colpite nelle diverse aree della Striscia di Gaza.

    "In questo momento di cieca violenza, Caritas Internationalis continuerà ad aiutare i più vulnerabili, fornendo loro qualsiasi aiuto necessario per alleviare le loro sofferenze", ha detto Aloysius John, segretario generale della Confederazione.

    Di fronte a questa nuova tragedia umanitaria, Caritas Internationalis si rivolge ai suoi benefattori affinché sostengano il lavoro di Caritas Gerusalemme. "Vi ringraziamo per l'aiuto che potete dare a noi a queste persone disperate. Per favore aiutateci e ricordateci nelle vostre preghiere", ha aggiunto suor Bridget.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie