Nazione

Stati Uniti

39 41 33

Cina

38 32 18

Giappone

27 14 17
Nazione

Regno Unito

22 21 22

ROC

20 28 23

Australia

17 7 22
Nazione

Paesi Bassi

10 12 14

Francia

10 12 11

Germania

10 11 16
Nazione

Italia

10 10 20

Canada

7 6 11

Brasile

7 6 8
Nazione

Nuova Zelanda

7 6 7

Cuba

7 3 5

Ungheria

6 7 7

Tamberi vola con Barshim, è l'oro dell'amicizia

'Gimbo' re dell'alto, "due è meglio di uno" con il qatariota

Redazione ANSA TOKYO

Nella notte dei sogni si realizza anche quello di Gianmarco Tamberi. E' un oro olimpico, come dice tra un grido di gioia e l'altro il diretto interessato, in cui "ci sono tante cose", come la voglia di rivincita e la perseveranza dopo quanto successo nel 2016 prima di Rio, e l'amicizia con Mutaz Barshim, assieme al quale sale sul gradino più alto del podio dell'Olimpiade. Domani, quando gli consegneranno la medaglia d'oro, assieme al collega con cui ha diviso gioie (Barshim lo invitò al suo matrimonio) e dolori (anche il qatariota ebbe un brutto infortunio), Gimbo si renderà conto che è tutto vero, che ha vinto, sebbene con cinque anni di ritardo, e lo ha fatto alla fine di una gara perfetta, senza errori fino alla quota di 2,39 dopo la quale i due amici avrebbero potuto spareggiare. Ma al giudice che ha chiesto loro cosa intendessero fare hanno risposto che preferivano dividere l'oro e alla risposta 'ok' hanno potuto dare libero sfogo alla loro gioia, e alla commozione. Tamberi ha vinto alla pari una finale di alto livello tecnico, basti pensare che a quota 2,30 erano ancora in lizza dieci saltatori, ma solo due, Gimbo e il campione venuto dal Qatar, non hanno commesso errori andando sempre oltre l'asticella al primo tentativo fino ai due 2,37. Nello specifico, 2.19, 2.24, 2.27, 2.30, 2.33, 2.37 tutte le quote scavalcate dal fenomenale azzurro al primo tentativo. A quel punto due centimetri in più hanno deciso la gara, a 2.39 hanno fallito i tre tentativi sia Tamberi che Barshim, e anche il bielorusso Nedasekau che era alla pari con loro ma fino a quel momento non aveva fatto percorso netto. Hanno fallito anche il coreano Woo, lo statunitense Harrison (quello che ora farà anche il lungo e sembra un diamante grezzo per quanto è bravo ma può ancora migliorare) e l'australiano Stark che hanno tentato il salto della vita. A quel punto era già profumo d'oro, e la decisione giusta è stata quella di condividerlo. Così via alle lacrime di gioia del nuovo mito, che della nazionale italiana di atletica è anche il capitano, e pianto anche di papà Marco, in tribuna come allenatore e fino a quel momento prodigo di consigli e incoraggiamenti per il figlio. Che quando apriva le braccia per incitare i presenti a scandire il ritmo con gli applausi sembrava un angelo in procinto di spiccare il volo. E lo ha fatto fino a salire sul tetto del mondo, per poi impazzire e andare ad abbracciare , non la finiva più, le medagliate del triplo donne che stavano facendo il giro d'onore coperte dalle rispettive bandiere. La portoghese Mamona e la venezuela Rojas sono state quasi soffocate da Tamberi, ma la gioia dei Giochi in quel momento era anche la loro, poi Jacobs ha fatto il resto ed è successo l'impensabile, e l'atletica italiana ha vissuto il giorno più bello della sua storia. E, visto che di Olimpiadi si tratta e che hanno sempre un certo spirito e tutta la loro magia , è stato bello anche il siparietto del dopo gara: ""Two is better than one", due è meglio di uno, ha detto Barshim rivolgendosi con un sorriso a Tamberi, e la risposta è stata un abbraccio e poi che "Mutaz è il miglior saltatore al mondo, non ci sono dubbi, per me invece è un sogno che si realizza, è pazzesco, un'emozione così non l'ho mai provata, vorrei farla provare anche a voi, è qualcosa di unico, sentivo il cuore che mi scoppiava, quest'oro vinto dopo quell'infortunio di cinque anni fa prima di Rio vale più di qualsiasi cosa". Sì, queste sono proprio le Olimpiadi, qualcosa di unico al mondo e nella vita di un uomo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie