Nazione

Stati Uniti

39 41 33

Cina

38 32 18

Giappone

27 14 17
Nazione

Regno Unito

22 21 22

ROC

20 28 23

Australia

17 7 22
Nazione

Paesi Bassi

10 12 14

Francia

10 12 11

Germania

10 11 16
Nazione

Italia

10 10 20

Canada

7 6 11

Brasile

7 6 8
Nazione

Nuova Zelanda

7 6 7

Cuba

7 3 5

Ungheria

6 7 7

Vanessa Ferrari medaglia d'argento nel corpo libero di ginnastica

Malagò: 'una storia incredibile. Dire che è medaglia meritata è poco, ha battuto sedicenni'. Daniele Lupo e Paolo Nicolai sono ai quarti di finale del torneo di beach volley

Redazione ANSA TOKYO

Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 Vanessa Ferrari è medaglia di argento nella prova di corpo libero di ginnastica. L'oro è stato vinto dall'americana Jade Carrey (14.366). Alle spalle dell'azzurra (14.200) si è classificata la giapponese Mai Murakami (14.166). 

A sei giorni dalla fine delle Olimpiadi di Tokyo 2020, l'Italia tocca quota 29 medaglie e supera il suo bottino complessivo di Rio 2016 e di Londra 2012, 28 in entrambe i casi. L'argento di Vanessa Ferrari e' infatti il ventottesimo podio dei Giochi giapponesi, e l'Italia ha gia' la certezza del ventinovesimo, un oro o un argento domani dalla vela, nel Nacra-17. Il medagliere azzurro a oggi conta 4 ori, 9 argenti e 15 bronzi. A Rio furono 8-12-8, a Rio, 8-9-11

"Quella di Vanessa Ferrari è una storia incredibile, basti vedere la gara di oggi, dove lei trentenne ha battuto delle sedicenni": queste le prime parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, dopo l'argento conquistato da Vanessa Ferrari al corpo libero. "Ha subito una sequenza di infortuni che avrebbero fermato tutti - ha aggiunto Malagò - senza contare i 4 posti e la sua lunga rincorsa a questa qualificazione presa all'ultimo soffio. Dire che questa medaglia è meritata è dire poco. Complimenti alla Federazione e al tecnico, Casella". 

"Sono partita che puntavo all'oro, volevo far suonare l'inno. La mia avversaria americana è partita con un punteggio più alto, io ho puntato soprattutto sull'esecuzione, ma ho avuto diversi problemi ai piedi", ha detto Vanessa Ferrari dopo la delusione per quello che ancora oggi considera "il terzo posto di Londra: era mio ma il terzo posto per me non c'e' stato". "Si chiude stasera un ciclo - ha spiegato l'azzurra - un ciclo di 5 anni cominciato a Rio. Adesso vado in vacanza, poi penserò a come organizzare il mio futuro".

Allo stadio Olimpico di Tokyo, per l'Italia - dopo l'oro dei 100 metri con Marcell Jacobs e del salto in alto con Gianmarco Tamberi - è cominciata bene anche la quarta giornata di gare di atletica. Con il quarto posto nella sua batteria (in 4'05''41), l'azzurra Gaia Sabbatini ha infatti conquistato la qualificazione alla semifinale dei 1500 metri femminili.

Daniele Lupo e Paolo Nicolai sono ai quarti di finale del torneo di beach volley delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Nella gara degli ottavi gli azzurri (argento a Rio 2016) hanno superato i polacchi Bryl e Fijalek per due set a zero (22-20, 21-18). Nei quarti di finale la coppia italiana affronterà Younousse-Tijan (Qatar). 

Con 7,99 metri, Filippo Randazzo ha chiuso all'ottavo posto la finale del salto in lungo alle Olimpiadi di Tokyo 2020. La medaglia d'oro è stata vinta dal greco Miltiadis Tentoglou con 8,41. Stessa misura del cubano Juan Miguel Echevarria che però è argento per la seconda misura inferiore a quella del greco (8,09 contro 8,15). Bronzo a un altro cubano, Maykel Masso, con 8,21.

Ci sono anche due italiane tre le 24 qualificate alle semifinali dei 200 metri delle Olimpiadi di Tokyo. Sono Dalia Kaddari e Gloria Hooper: la prima si è qualificata direttamente con il terzo posto nella sua batteria in 23''26, la seconda, quarta in batteria, è stata ripescata grazie al tempo di 23''16.

Due italiani erano in gara nella finale olimpica dei 3000 mila siepi: Ala Zoghlami è arrivato nono, Ahmed Abdelwahed quattordicesimo. L'oro è stato vinto dal marocchino Soufiane El Bakkali in 8'08"90, argento all'etiope Lamecha Girma in 8'10"38, bronzo al keniano Benjamin Kigen (8'11"45). Zoghlami ha concluso la gara in 8'18"50, Abdelwahed in 8'24"34.

E' cominciato il programma del ciclismo su pista. L'Italia ha chiuso al quarto posto le qualificazioni della prova di inseguimento a squadre femminili: domani in una delle quattro batterie sfiderà la Germania che ha fatto registrare il miglior tempo, in 4'07''307, nuovo record del mondo. Le azzurre - Rachele Barbieri, Letizia Paternoster, Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini - hanno terminato la prova sui quattro chilometri in 4'11"666 (nuovo record italiano) e restano quindi ancora in lizza anche per l'oro. In caso di vittoria contro la Germania, le italiane conquisteranno la qualificazione alla finale per il primo posto. In caso di sconfitta invece, per accedere alla finale del bronzo, dovranno far registrare uno dei due migliori tempi tra le sei squadre fuori dalla finalissima. Al secondo posto provvisorio c'è la Gran Bretagna, al terzo gli Usa: queste due squadre si sfideranno per l'altro posto in finalissima. Dal quinto all'ottavo posto Francia, Nuova Zelanda, Australia e Canada.

Sarà la Serbia l'avversaria dell'Italia nei quarti di finale del torneo olimpico di pallavolo femminile. E' quanto ha disposto il sorteggio per la composizione del quadro dei quarti, svoltosi in serata a Tokyo. Le azzurre, seconde nella pool B, sono state sorteggiate con la Serbia che ha chiuso al secondo posto il raggruppamento A. Le ragazze di Davide Mazzanti scenderanno in campo mercoledì 4 agosto alle ore 17 locali (le 10 in Italia). In caso di passaggio del turno Sylla e compagne troveranno sulla loro strada la vincente tra Repubblica Dominicana e USA. Sicure dell'avversaria già prima del sorteggio sono state il Brasile che se la vedrà con ROC e gli Stati Uniti che giocheranno contro la Repubblica Dominicana. Le altre due sfide vedranno affrontarsi Corea del Sud contro Turchia e, appunto, Serbia contro Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie