Percorso:ANSA > Nuova Europa > Politica > Vaccini: Grecia, dosi per tutti i residenti in 100 isole

Vaccini: Grecia, dosi per tutti i residenti in 100 isole

Croazia, scarse speranze partenza turismo a giugno

11 maggio, 19:21
(ANSA) - ROMA/ZAGABRIA, 11 MAG - La Grecia vaccinerà completamente tutti i residenti su quasi 100 delle sue isole entro la fine di giugno con l'obiettivo di far ripartire il turismo. Tra le isole greche che avranno la priorità per la vaccinazione ci sono Rodi, Corfù, Zante, Cefalonia, Santorini e Mykonos, riporta il Guardian. "Questa iniziativa mira a sostenere le comunità locali, così come le loro economie. Il mio messaggio è chiaro. Siamo di nuovo aperti", ha detto Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. "Sono lieto - ha aggiunto - che alla fine di questa settimana la Grecia inizierà a riaprire la sua industria turistica. Stiamo prendendo ogni precauzione per garantire la sicurezza e la protezione dei nostri visitatori e dei nostri residenti ". La Grecia riaprirà al turismo il 15 maggio quando abolirà il divieto per i viaggi tra le diverse regioni.

In Croazia, dove il turismo è il motore principale dell'economia nazionale, stanno invece lentamente svanendo le speranze degli operatori del settore in una prima ripresa a giugno, a fronte di numerose cancellazioni per le incertezze legate all'epidemia e di una percentuale ancora insufficiente di croati vaccinati. Lo scrive oggi il quotidiano Slobodna Dalmacija di Spalato. Tra Istria, Dalmazia e Dubrovnik, solo pochi mesi fa si contava su una buona stagione turistica a partire dagli inizi di giugno, ma la lenta campagna vaccinale, che appena nelle ultime settimane sta diventando di massa, sta tenendo la Croazia sulle liste rosse di molti Paesi vicini. Per questo le prenotazioni per giugno stentano a partire, mentre sono in molti ad aver deciso di cancellare la vacanza sulla costa croata o di spostarla a luglio e agosto. I turisti quest'anno hanno anche richieste inusuali. Non sono in pochi infatti a chiedere conferme sulla vaccinazione del personale degli alberghi e anche delle persone che affittano appartamenti e stanze. Per questo nella campagna di vaccinazione di massa, in corso da alcune settimane con l'arrivo di centinaia di migliaia di dosi, hanno precedenza proprio gli operatori turistici. Inoltre, in molti insistono per una politica di cancellazioni tutta a favore del cliente, con rimborsi del cento per cento anche a un giorno dall'inizio della vacanza. Gli addetti non hanno altra scelta che adeguarsi e offrire sconti per pagamenti in anticipo. A Dubrovnik, perla dell'Adriatico croato, le prenotazioni per giugno sono ferme. La richiesta punta verso l'alta stagione, mentre anche il mese di settembre sembra incutere timori ai turisti, consapevoli che l'anno scorso la seconda ondata in Croazia è partita proprio dalla costa piena di vacanzieri giovani. Tra i molti grattacapi che scoraggiano i viaggiatori vi sono anche i test o conferme di vaccinazione richieste ai confini croati, che contribuiscono ad aumentare i costi della vacanza, specie per le famiglie numerose. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati