Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Covid: calano i casi e decessi nell'Europa centro-orientale

Covid: calano i casi e decessi nell'Europa centro-orientale

In ultima settimana. In Ungheria percentuale record di vaccinati

29 aprile, 12:58
(di Stefano Giantin) (ANSA) - BELGRADO, 29 APR - L'Europa centro-orientale ha osservato un significativo calo di infezioni e decessi nella settimana fino al 25 aprile. Lo si evince dai dati dell'ultimo bollettino epidemiologico dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Secondo il bollettino, altri 474.684 nuovi casi di coronavirus (-16,5% rispetto alla scorsa settimana) e 14.336 nuovi decessi -6,9%) sono stati comunicati dai Paesi balcanici e dell'Europa centro-orientale all'Oms nella settimana fino al 25 aprile, portando il totale dei decessi dall'inizio dell'epidemia nella regione a 370.945.

Secondo i dati Oms, i Paesi dell'Europa centro-orientale che hanno registrato più nuovi casi di contagio negli ultimi sette giorni sono stati Germania (145.156), Ucraina (78.761) e Polonia (70.831).

I Paesi della regione che hanno registrato un maggior numero di nuovi decessi nell'ultima settimana sono stati Polonia (3.383), Ucraina (2.537), Germania (1.650), Ungheria (1.441) e Romania (1.195).

Nell'Europa centro-orientale nel suo complesso le nazioni con più decessi totali da inizio epidemia sono Germania (81.564), Polonia (65.415), Ucraina (42.323), Cechia (28.946), Romania (27.267) e Ungheria (26.625).

L'Ungheria è al momento il Paese con il più alto rapporto tra decessi totali in rapporto alla popolazione: 273 decessi per centomila abitanti, contro i 200 dell'Italia. Nell'Europa centro-orientale un elevato numero di decessi complessivi in rapporto alla popolazione è stato registrato anche in Cechia (270), Bosnia (251), Montenegro (231), Bulgaria (228), Macedonia del Nord (223), Slovenia (216) e Slovakia (211).

Altri 79.262 nuovi casi di infezione nell'ultima settimana e 72.522 decessi cumulativi (+3.235 in sette giorni) da inizio epidemia sono stati confermati fino al 25 aprile in Slovenia, Croazia, Bulgaria, Romania e nei Balcani occidentali (Serbia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Kosovo, Macedonia del Nord, Albania).

Secondo dati ufficiali raccolti dal portale Our World in Data, aggiornati al 28 aprile, Ungheria (57,4% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose) e Serbia (48,1) sono rispettivamente quinta e sesta in Europa per dosi di vaccino contro il Covid somministrate in rapporto alla popolazione.

(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati