Percorso: Motori > Speciali > I consigli Pirelli per una partenza estiva in sicurezza

I consigli Pirelli per una partenza estiva in sicurezza

Controllo pneumatici fondamentale prima di mettersi alla guida

12 luglio, 13:03
I consigli Pirelli per una partenza estiva in sicurezza I consigli Pirelli per una partenza estiva in sicurezza

MILANO - Tornano le partenze estive e, anche se la crisi sembra aver eliminato per quest'anno l'esodo da bollino nero, su strade e autostrade si riverseranno milioni di italiani in automobile.
Una 'partenza intelligente' e' dunque soprattutto una partenza in sicurezza, con un veicolo che sia stato controllato, in particolare le gomme, che sono l'unico elemento di contatto tra la vettura e la strada. "Il controllo degli pneumatici e' un fattore determinante per la sicurezza di un viaggio. Quindi il mio suggerimento e' di passare dal gommista di fiducia perché gli pneumatici possono subire danneggiamenti nell'utilizzo quotidiano", spiega Andrea Vergani, ingegnere Pirelli. Verificare l'usura del battistrada, la pressione di gonfiaggio, l'integrità dello pneumatico, senza sottovalutare il cambio di stagione, sono i consigli principali del gruppo della Bicocca prima di mettersi alla guida.
BATTISTRADA: Per legge la profondità del battistrada non deve essere inferiore a 1,6 mm. Considerando che uno pneumatico nuovo ha uno spessore di 8 mm, l'ideale sarebbe sostituirlo quando la profondità scende a 2-3 mm. Questo infatti influisce sulle prestazioni del veicolo, che diminuiscono proporzionalmente allo spessore del battistrada.
PRESSIONE: Influisce in maniera diretta sulla frenata, quindi sulla sicurezza di marcia. Infatti lo spazio di arresto di uno pneumatico correttamente gonfiato e' minore rispetto a quello sottogonfiato. Inoltre, le condizioni di carico del veicolo prima di una partenza sono speso differenti rispetto a quelle dell'utilizzo quotidiano, quindi, la pressione va adeguata secondo quanto prescrive il costruttore di veicoli sul libretto di usura e manutenzione. Questo controllo permette anche di risparmiare carburante e di garantire una maggiore durata dello pneumatico.
INTEGRITA': Non basta controllare i danni visibili, ma bisogna verificare le lesioni interne causate anche da urti contro marciapiedi, buche stradali ed ostacoli di varia natura.  Anche quando si fora uno pneumatico e' necessario controllare l'interno della copertura e poi e' sconsigliato parcheggiare su chiazze d'olio o solventi. Naturalmente, anche lo stile di guida e la velocità influiscono su integrità e durata.
STAGIONE: E' un aspetto da non sottovalutare, visto che gli pneumatici estivi sono progettati per assicurare stabilità e sicurezza ad alte temperature e ad alte velocità, garantendo anche un minore consumo, una vita più lunga e maggior comfort alla guida.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA