Percorso:Motori > News > Auto: conducente 'tracciato' se comodato supera 30 giorni

Auto: conducente 'tracciato' se comodato supera 30 giorni

Nuova norma Codice Strada da 3 novembre, ma non per parenti

27 ottobre, 09:57
Auto: conducente 'tracciato' se comodato supera 30 giorni Auto: conducente 'tracciato' se comodato supera 30 giorni

(di Graziella Marino)

ROMA - Novità in vista per coloro che utilizzano vetture a noleggio o in comodato. A partire dal 3 novembre, infatti, se l'uso del mezzo si protrae oltre i 30 giorni il proprietario e intestatario della carta di circolazione, qualora ovviamente non coincida con l'utilizzatore del veicolo, avrà l'obbligo di comunicare all'archivio nazionale dei veicoli della Motorizzazione Civile i dati di colui che è in possesso di quel veicolo. In caso di omissione è prevista una sanzione di 705 euro, oltre al ritiro della carta di circolazione. La norma, prevista da una circolare della Motorizzazione del 10 luglio attuativa dell'articolo 94 4 bis del codice della strada, non riguarda però le auto prestate dai familiari.

''E' importante precisare - sottolinea infatti il direttore generale della Motorizzazione Maurizio Vitelli - che la norma esclude tutte le situazioni in cui la natura dei rapporti intercorrenti tra proprietario del veicolo e soggetto che ne dispone abbiano rapporti di parentela. Quindi non riguarda, per esempio, il figlio che guida la macchina del padre o situazioni simili''. La norma non si applica anche in caso di ''veicoli che rientrano nella fattispecie dei fringe benefit o delle vetture di servizio''. Tra le categorie incluse, invece, ci sono ''le società di autonoleggio, i veicoli in comodato, quelli di proprietà di minorenni non emancipati ed interdetti, quelli messi a disposizione della pubblica amministrazione a seguito di una pronuncia giudiziaria''. Tutti casi cioè, spiega Vitelli, ''in cui era necessario individuare uno strumento che permettesse l'identificazione certa del soggetto responsabile della vettura circolante e di eventuali violazioni al codice della strada e connesse sanzioni. Inoltre - precisa il direttore generale della Motorizzazione - un altro fenomeno che si è voluto contrastare con questa norma è quello delle intestazioni fittizie''.

Certo alcune categorie come i noleggiatori sono più colpite di altre, ''ma ci tengo a precisare - rileva Vitelli - che il provvedimento prima di essere emanato è stato oggetto di confronto con tutte le categorie interessate: ministero degli Interni, Aniasa, Assilea, Anfia, Unrae, Unasca e Confarca. E tutte si sono dichiarate soddisfatte delle soluzioni adottate. Comunque, tra lunedì e martedì emaneremo ulteriori chiarimenti''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA