Percorso:ANSA > Motori > Auto e Istituzioni > Entro l'anno legge su incentivi all'auto elettrica

Entro l'anno legge su incentivi all'auto elettrica

Nissan Italia ospita audizione Camera, deputati provano Leaf

13 aprile, 16:56
Entro l'anno legge su incentivi all'auto elettrica Entro l'anno legge su incentivi all'auto elettrica

  ROMA - Entro l'anno o al massimo nei primi mesi del 2012 anche l'Italia, come gia' altri Paesi europei, potrebbe avere una legge che incentiva l'acquisto di vetture elettriche e comunque di tutte quelle automobili che contribuiscono all'abbattimento delle emissioni, secondo il principio che ''meno si inquina e piu' facilitazioni si hanno''.

E' quanto emerso oggi nell'ambito di una originale audizione parlamentare che ha visto riuniti, presso la sede di Nissan Italia, a Capena, i componenti delle Commissioni Trasporti e Attivita' Produttive della Camera sia per audire Andrea Alessi, amministratore delegato della filiale italiana della casa automobilistica nipponica che iniziera' a fine 2011 la commercializzazione in Italia della sua elettrica Leaf, sia per effettuare direttamente un test drive della vettura.

''Abbiamo verificato che ormai la tecnologia ha fatto passi da gigante e che guidare una vettura elettrica e' come guidare un'auto normale'', ha commentato il presidente della Commissione Trasporti Mario Valducci (Pdl) precisando che alla Camera il provvedimento ''potrebbe essere approvate anche prima dell'estate, per poi passare al Senato. Io - ha aggiunto - sarei gia' molto soddisfatto se entro 12 mesi potesse diventare legge, anche perche' se vedesse la luce tra fine anno ed i primi mesi del 2012 sarebbe in linea con la prevista commercializzazione in Italia di diverse auto elettriche''. Ma il provvedimento allo studio presso le Commissioni della Camera non guarda solo alle auto elettriche, infatti ''dovrebbe prevedere incentivi in base alle emissioni. Lo schema - ha precisato Manuela Dal Lago (LN), presidente della Commissione Attivita' Produttive - dovrebbe essere quello di dare piu' incentivi a chi meno inquina. Tutto cio' che va verso il taglio del Co2 lo riteniamo positivo''. Per accelerare l'approvazione della legge, ha aggiunto Valducci, ''potremmo unificare i due provvedimenti attualmente allo studio, quello che riguarda l'auto elettrica e quello che riguarda l'auto a metano''. Nel corso del dibattito inoltre, ha precisato il presidente della Commissione Trasporti, ''e' emersa la possibilita' di correlare il bollo auto non solo alla potenza ma anche all'inquinamento dell'auto stessa''.

Secondo il deputato dell'Idv Gabriele Cimadoro della Commissione Attivita' Produttive il provvedimento ''dovrebbe anche inserire un riferimento all'obbligo per le grandi flotte o comunque a quelle pubblico-istituzionali ad acquistare auto elettriche'', per permettere a questo tipo di vetture di abbattere piu' velocemente il prezzo di vendita. Anche perche' l'entita' degli incentivi all'acquisto molto probabilmente non arrivera' a quella media di 5.000 euro riconosciuti in altri Paesi europei. ''Sappiamo quali siano i limiti dei nostri conti pubblici - ha spiegato Valducci - ma crediamo che il minor costo della manutenzione richiesta e del carburante adottato e le agevolazioni gia' previste per il bollo auto, oltre ad altre che potremmo prevedere nella circolazione dei grandi centri storici delle citta' come l'ingresso e il parcheggio gratuito, potrebbero consentire a chi spende qualche migliaio di euro in piu' per acquistare un'auto elettrica di recuperarli nel giro di 3 anni''.

 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati