Percorso:ANSA > Motori > Analisi e Approfondimenti > Rcauto, nessuno 'teme' danni per eventi naturali

Rcauto, nessuno 'teme' danni per eventi naturali

Donne piu' previdenti degli uomini, soprattutto al nord

21 giugno, 17:48
Rcauto, nessuno teme danni per eventi naturali Rcauto, nessuno teme danni per eventi naturali

ROMA - Gli italiani temono di piu' il furto e l'incendio della propria auto piuttosto che i danni provocati dagli eventi naturali. E' quanto emerge in estrema sintesi da una Ricerca condotta da Facile.it , sito web di comparazione RC auto, secondo cui solo il 12% degli italiani alle prese con l'assicurazione sceglie di aggiungere una protezione contro gli eventi naturali.

Poco meno di un italiano su otto, in sostanza, - si legge nella nota diffusa da Facile.it - comprende che grandine, neve e piogge violente possono danneggiare la propria auto e che questo pericolo vale una copertura aggiuntiva. In tempi di crisi occorre tagliare il superfluo, ma piuttosto che confidare nella buona stella sarebbe forse opportuno spendere 40 centesimi al giorno (il costo medio della copertura aggiuntiva contro i danni causati da eventi naturali).

L'analisi, condotta su un campione di circa 40.000 polizze emesse attraverso il sito negli ultimi tre mesi, ha permesso di scoprire elementi interessanti: in primo luogo, le donne sembrano essere più previdenti degli uomini. Tra di loro, infatti, la percentuale arriva al 14%, mentre solo un uomo su dieci sembra badare a questi 'dettagli'.

In particolare, questa tipologia di copertura assicurativa assume importanza diversa a seconda dell'età del veicolo: la percentuale sale al 16% se si prendono in considerazione le polizze relative a veicoli che hanno meno di cinque anni di vita. Se guardiamo, poi, le professioni svolte da chi stipula, quella che richiede in misura maggiore questa copertura e' la categoria degli agenti di commercio, con il 17% delle polizze: abituati a muoversi in auto e a girare per le strade con qualsiasi clima, sono per forza di cose più prudenti degli altri. Fa sorridere, invece, che in fondo alla classifica ci siano gli ecclesiastici: evidentemente, preti e suore confidano in un potere più alto a protezione della propria automobile, tanto che solo il 4% di loro richiede una copertura aggiuntiva contro i danni naturali.

Per quanto riguarda, infine, le differenze regionali, è nelle regioni del Nord Italia che, comprensibilmente, c'è più paura di grandine e neve: Lombardia e Piemonte, con il 23%, guidano la classifica, seguite da Valle d'Aosta (18%) e Liguria (17%). Di contro, a Sud si preferisce essere più fatalisti: Campania, Basilicata e Puglia sono le tre Regioni da cui arriva, in percentuale, il minor numero di richieste di polizze a copertura dai danni naturali (3%). Va detto, ad ogni modo, che lo scarso interesse nei confronti di questa tutela è conseguenza dei premi assicurativi più elevati a Sud rispetto al Nord Italia, che costringono molti cittadini a tagliare ciò che non è obbligatorio per legge.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA