Aree interne e spopolamento, se ne parla a Castropignano

Dal 2014 persi 12.500 residenti in Molise

(ANSA) - CASTROPIGNANO, 13 AGO - Il problema dello spopolamento sta diventando sempre più rilevante visti i numeri negativi che caratterizzano il Molise: dal 2014 persi oltre 12.500 residenti. I due saldi che caratterizzano il bilancio demografico annuale, saldo naturale e migratorio, sono entrambi negativi dal 2016. Mentre la differenza tra nati e morti è a favore degli ultimi dal 1992, la disuguaglianza tra iscritti e cancellati, ha avuto, nello stesso periodo, un andamento altalenante, sino ad arrivare, lo scorso anno, a registrare una perdita superiore all'andamento naturale della popolazione (saldo naturale -1.736, saldo migratorio -1.740), segno evidente di come i molisani abbandonano sempre di più la loro terra.
    Quali sono le previsioni, ma soprattutto quali le prospettive per arginare questa emorragia? Se ne palerà oggi, 13 agosto alle ore 18.00, nella pineta di Castropignano (Campobasso) nel corso del convegno "Oltre lo spopolamento" con interventi dei professori Norberto Lombardi e Fabrizio Nocera e don Alberto Conti, intervistati da Giovanni Mancinone. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie