Isernia ricorda Stefania Cancelliere

Scoperta targa dedicata alla 39enne originaria di Isernia

(ANSA) - ISERNIA, 25 NOV - Era nata a Isernia e quando il marito la uccise, nel 2012, aveva 39 anni, tre figli e un nuovo amore.
    Lei, una delle vittime del femminicidio, si chiamava Stefania Cancelliere e oggi, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, la sua città ha voluto dedicarle una targa apposta sul murales realizzato dello Street artist Argentino Alaniz su una parete dell'Auditorium 'Unità d'Italia'.
    Il murales ritrae Patria Mirabal. All'evento di FermArti, patrocinato dal Comune, non c'erano i familiari di Stefania, ma suo fratello Livio ha inviato una lettera agli organizzatori.
    Parole che hanno commosso tutti, parole d'amore e non di odio e il ricordo della donazione degli organi della sorella. Stefania fu uccisa a Legnano (Milano) nell'androne del palazzo dove viveva. Il marito la colpì 80 volte con un mattarello. Nella galleria dell'Auditorium, inaugurata anche una collettiva di arte contemporanea, sempre per iniziativa di 'FermArti' e del comune, sul tema della violenza affrontato con le più diverse tecniche, dal surrealismo alla grafica digitale, pittura, scultura e fotografia. Sarà aperta fino al 29 dicembre prossimo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie