Percorso:ANSA > Mare > Ambiente e Pesca > Nuova Zelanda: perdita coralli impatto mondiale

Nuova Zelanda: perdita coralli impatto mondiale

Quilici, barriera subira' danni; wwf, grande preoccupazione

11 ottobre, 19:27
NUOVA ZELANDA: PERDITA CORALLI IMPATTO MONDIALE NUOVA ZELANDA: PERDITA CORALLI IMPATTO MONDIALE

(ANSA) - ROMA, 11 OTT - La perdita dei coralli, della famosa barriera 'Astrolabio' al largo della Nuova Zelanda, si fara' sentire su tutto il Pianeta. Lo sversamento di idrocarburi dalla pancia del cargo liberiano 'Rena', incagliatosi a 22 chilometri dalle coste di Tauranga, minaccia infatti sia gli ecosistemi marini che la popolazione di animali, in particolare le colonie di pinguini, gli uccelli e i mammiferi marini. L'allarme lo ha lanciato il biologo marino Silvio Greco, secondo cui tutti il mondo accusera' gli effetti del degrado del reef corallino.

Questi incidenti, ha commentato il documentarista e scrittore Folco Quilici, ''sono un disastro per gli ecosistemi, e le conseguenze sono orribili'' ma ''gli inquinanti peggiori sono i veleni chimici sversati nel mare e nei fiumi''. Sicuramente, ha aggiunto Quilici, ''la barriera corallina subira' dei danni'' ma ''anche se ci vorranno anni potra' tornare a vivere''.

Nel serbatoio del container, posto proprio sopra la ''fragilissima area di transizione'' costituita dai coralli, ci sono ancora 1.700 tonnellate di idrocarburi. Per la precisione gasolio, che - come ha avvertito Alessandro Gianni', direttore delle campagne di Greenpeace Italia - e' anche peggio perche' e' piu' ricco, pertanto piu' difficile da disperdere, con ''effetti piu' gravi in mare''. Gianni' ha parlato anche delle operazioni di recupero, considerando le difficolta' ''soprattutto a causa delle cattive condizioni meteo, con onde alte 4-5 metri, che fanno sbandare sempre di piu' la nave'' facendo pensare a ''un pericolo strutturale''.

Isabella Pratesi, direttrice delle politiche di conservazione internazionali del Wwf Italia, ha espresso la ''grande preoccupazione'' dell'associazione del Panda, che e' sul posto con gli operatori gia' al lavoro per ripulire alcuni uccelli marini ricoperti di greggio fuoriuscito dalla nave. A rischio, ha spiegato Pratesi, c'e' ''uno dei luoghi piu' importanti, il 'Miranda Wetlands', per la nidificazione e lo svernamento''. Tra le specie piu' esposte ''le procellarie, gli uccelli delle tempeste, i cormorani, le berte, le sule, le beccacce di mare, e le sterne''. In pericolo anche i cetacei e i delfini. Pratesi ha posto l'accento sugli effetti a lungo termine che ''pervadono gli ecosistemi, arrivando a intaccare la catena alimentare e la salute dell'uomo''.

E sia il Wwf che Greenpeace hanno poi messo in guardia dall'uso dei solventi, tipo il Corexit (usato per la marea nera del Golfo del Messico), che oltre a non avere un'azione 'detergente' risulta dannoso per la salute sia degli animali che degli uomini. Greenpeace ha poi fatto presente che ''le autorita' neozelandesi avevano notificato il 28 settembre alla stessa nave'' la mancanza di carte nautiche, insinuando cosi' ''il dubbio che il cargo non fosse in regola con la documentazione per fare quel tratto di mare, dove si trova un reef abbastanza conosciuto''. Infine, per il biologo marino e' necessario un miglioramento della ''sicurezza dei trasporti marittimi: quello che serve sono almeno i doppi scafi, e non solo per le petroliere, in modo da tutelare la parte relativa al serbatoio della nave'' anche attraverso ''una regolamentazione internazionale''. (ANSA)

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati