• Vaccino: Nobili, valutare detenuti e operatori tra priorità

Vaccino: Nobili, valutare detenuti e operatori tra priorità

Garante, aprire riflessione. Finora un positivo carceri Marche

   "Aprire una riflessione sull'ipotesi di inserire detenuti, agenti della penitenziaria e altri operatori delle carcere tra categorie prioritarie nel percorso di vaccinazione". Lo propone il garante per i diritti nelle Marche, avv. Andrea Nobili che, illustrando un report 2020 sulla situazione negli istituti penitenziari, ha sottolineato come il sistema carcerario abbia "elementi di rischio" e come occorra "fare in modo che si abbia un'attenzione particolare per detenuti e per tutti gli operatori che ruotano attorno alle carceri". Finora, comunque, si è emerso un solo caso di positività tra i detenuti nelle Marche.
    Nelle case circondariali marchigiane sono presenti 847 detenuti ospitati su una capienza di 846 ma, riferisce il garante, ad Ancona Montacuto (319 presenti, capienza 256) e Pesaro-Villa Fastiggi (171 detenuti con 143 'posti') "continuano a registrarsi presenze in eccesso". Circa 40 i detenuti che dal carcere di Modena erano stati trasferiti in quello di Ascoli Piceno-Marino del Tronto, dopo la 'rivolta' nella casa circondariale emiliana, a marzo durante il primo lockdown: tra le attività svolte anche un monitoraggio per eventuali situazioni meritevoli interessamento su questo fronte. Altro problema particolare, segnalato da Nobili in relazione alle restrizioni anti-Covid, quello del sostanziale stand-by in cui si trovano ora le richieste dei detenuti per trasferimenti in istituti più vicini alle rispettive famiglie. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie