Maltrattamenti famiglia e armi,denuncia

Ps scopre più munizioni del consentito

La Squadra Mobile della Questura di Ancona è intervenuta per un caso di maltrattamenti in famiglia segnalato dal pronto soccorso dell'ospedale di Torrette. Ad una donna che si era rivolta alla struttura i medici hanno riscontrato ecchimosi sul petto, riconducibili a percosse. Le indagini della polizia hanno permesso di ricondurre i maltrattamenti al marito di lei, titolare di licenza di porto di fucile ad uso caccia. A scopo preventivo, è stato disposto il ritiro cautelare delle armi e delle munizioni detenute dall'uomo. Gli agenti hanno ritirato dalla casa dei coniugi tre tre fucili e riscontrato un esubero di munizioni (1.600) rispetto a quelle consentite dalla legge (1.500). Per questo fatto lui è stato denunciato alla Procura della Repubblica per detenzione illegale di munizioni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie