Lombardia

Martin Foradori presenta il primo vino dealcolizzato

Nasce Steinbock Alcohol Free Sparkling, "la festa è per tutti"

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - Nasce "Steinbock Alcohol Free Sparkling", una bollicina dealcolizzata prodotta da uno dei più attenti e tradizionali vignaioli italiani: Martin Foradori, proprietario della cantina Hofstaetter.
    Un'idea nata diversi anni fa che oggi prende vita con un nuovo prodotto, per la prima volta in Italia, ottenuto dal vino. Un vino senza alcool che Foradori produce nella sua azienda tedesca in Mosella. "Non voglio entrare in polemica, chiamiamola pure bevanda analcolica", dice Foradori, raccontando che gli spunti sono arrivati nel corso del tempo, dalle diverse esperienze, anche con il contributo del figlio Niklas che sta completando gli studi di enologia in Germania.
    Il nuovo prodotto nasce da un vino fermo dealcolizzzato, con mosto rettificato e aggiunta di CO2. "Durante il mio tirocinio in Svizzera - aggiunge Foradori - ho imparato il concetto che è meglio agire che reagire, e cosi ho voluto fare". Le indagini di mercato e il trend dei consumi hanno spinto Foradori a velocizzare il processo di analisi con prove tecniche e di assaggio "fino al punto di decidere di lanciarmi in questa avventura, a costo di essere criticato. I consumatori sono pronti, nel mondo anglosassone questi prodotti sono molto diffusi e fanno passi da gigante. Pensiamo poi a diversi aspetti: le persone che non bevono sono molto più numerose di quelle che consumano alcolici e il nostro Steinbock Alcohol Free è adatto a chi fa sport, a chi guida, a chi non beve alcool per motivi religiosi. Inoltre contiene solo 19 calorie. Un prodotto a 360 gradi, chiunque può partecipare alla festa".
    Al momento ne vengono prodotte 20.000 bottiglie che verranno immesse a breve sul mercato con l'etichetta "Steinbock Selection Dr. Fischer" (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie