Morì a San Vittore nel 2012, il gip: 'Bisogna indagare ancora'

'Anche su ipotesi dolosa'. Caso fu già archiviato come suicidio

Bisogna indagare ancora, dopo 9 anni, sulla morte di Alessandro Gallelli, 21enne che nel febbraio 2012 venne trovato cadavere in una cella del carcere di San Vittore, morte più volte archiviata come suicidio. Lo ha deciso il gip Domenico Santoro, dopo che un nuovo fascicolo è stato aperto per "morte come conseguenze di altro delitto" e i pm hanno chiesto l'archiviazione. Per il gip servono "approfondimenti" sull'ipotesi "della natura preterintenziale (se non, a ben vedere, dolosa) dell'azione di terzi". Accolte le richieste della famiglia, difesa dal legale Gabriele Pipicelli, con consulenze del Centro Investigazioni Scientifiche.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano



Modifica consenso Cookie