Covid:farmaci letali a 2 pazienti poi morti,arrestato medico

In ospedale pubblico nel Bresciano. Cc lo accusano di omicidio

(ANSA) - MILANO, 25 GEN - Un medico in servizio in un pronto soccorso di un ospedale pubblico della provincia di Brescia è stato arrestato e posto ai domiciliari dai Carabinieri del Nas: è sospettato di omicidio per aver intenzionalmente somministrato a pazienti affetti dal Covid-19 farmaci ad effetto anestetico e bloccante neuromuscolare, causando la morte di due di loro durante la cosiddetta prima ondata pandemica. I militari hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Brescia.
    I fatti risalgono allo scorso mese di marzo, momento in cui la pandemia esplodeva e l'elevato numero di contagi andava a ripercuotersi sulle strutture ospedaliere, intasandole. Anche mediante accertamenti di medicina legale sono state analizzate le cartelle cliniche di numerosi pazienti deceduti in quel periodo per Covid-19, riscontrando in alcuni casi un repentino, e non facilmente spiegabile, aggravamento delle condizioni. Tre salme sono state esumate per indagini autoptiche e tossicologiche. All'interno di tessuti ed organi di una di esse, c'era un farmaco anestetico e miorilassante comunemente usato nelle procedure di intubazione e sedazione del malato che, se utilizzato al di fuori di specifici procedure e dosaggi, può determinare la morte del paziente. (ANSA).
   Avevano 61 e 80 anni i due pazienti morti all’ospedale di Montichiari, nel Bresciano, nella prima ondata del covid a marzo e che secondo la Procura di Brescia sono decedute a causa del farmaco somministrato dal dottor Carlo Mosca, primario facente funzione del pronto soccorso dell’ospedale all’epoca dei fatti e ai domiciliari con l’accusa di omicidio volontario. 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie