Vaccini: giudici, vademecum su consenso per non capaci intendere

'Direttori rsa possono ricorrere a giudici'

(ANSA) - MILANO, 12 GEN - Un vademecum con tanto di casistica per "dare agli operatori sanitari", in particolare a quelli che operano nelle rsa, e "agli amministratori di sostegno e a tutti soggetti investiti di poteri di rappresentanza legale delle persone incapaci, l'indicazione pratica delle regole di comportamento da seguire" per le vaccinazioni anti-Covid, quando si hanno di fronte persone non capaci di esprimere il consenso.
    Lo ha predisposto l'ottava sezione civile del Tribunale di Milano. Tra i soggetti che possono rilasciare il consenso per persone incapaci, privi di amministratori di sostegno o tutori legali, ci sono anche "i direttori Sanitari o i responsabili medici delle rsa o i direttori sanitari delle Asl (Ats)".
    Nel caso, ad esempio, di un ospite di rsa incapace "con coniuge, convivente ovvero parenti fino al terzo grado" e per il quale "risulti il dissenso alla vaccinazione" il direttore sanitario o della struttura, "se ritiene invece che il vaccino sia appropriato e necessario", può presentare ricorso al giudice tutelare per "ottenere l'autorizzazione a procedere". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie