Milano, 10mila richieste voucher taxi

Anche farmacisti potranno chiederlo

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Sono oltre 10 mila le richieste di voucher taxi arrivate al Comune di Milano da quando, quasi tre mesi fa, è stato lanciato il sistema che consente a diverse categorie di cittadini di utilizzare l'auto pubblica a tariffe agevolate. Considerato il successo di utilizzo e il protrarsi dell'emergenza causata dall'epidemia il Comune ha deciso di ampliare i criteri di accesso all'agevolazione.
    Potranno chiedere il voucher taxi anziani i residenti a Milano con più di 65 anni (non più 70), persone con il 65% di disabilità (non più il 100%), donne che debbano spostarsi la sera tra le ore 18 (non più le ore 21) e le 6 del mattino.
    Inoltre possono chiedere l'agevolazione nuove categorie come i minori residenti a Milano e i loro genitori, donne in gravidanza, persone in terapia salvavita. Resta attivata l'agevolazione anche per medici e infermieri in più, da oggi, possono chiedere il voucher taxi anche farmacisti e tecnici sanitari.
    "L'obiettivo è ampliare e rendere più accessibili le opportunità di trasporto pubblico sicuro a Milano per meglio soddisfare la domanda, a partire dalle persone più in difficoltà o che necessitano di maggiore attenzione e condizioni di sicurezza", ha spiegato l'assessore alla Mobilità del Comune, Marco Granelli, in una nota. Ad oggi sono stati spesi circa 106 mila euro per l'erogazione degli oltre 10 mila voucher. Di questi circa 4.000 sono stati destinati a soggetti fragili indicati dalla direzione Politiche sociali e 6.000 ad altri soggetti così suddivisi: 63,7% anziani over 70; 21,3% donne in orario tra le 21.00 e le 6.00; 13,3% disabili al 100% e medici o infermieri 1,6%. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie