Dpcm: tovaglie apparecchiate in Duomo, ristoratori 'a terra'

Protesta Fipe-Confcommercio, servono più incentivi

(ANSA) - MILANO, 28 OTT - Una tromba ha suonato il silenzio, poi circa trecento proprietari e operatori del mondo della ristorazione si sono seduti terra, attorno a sedici tovaglie bianche apparecchiate sul granito del sagrato del Duomo, con piatti di carta e posate di plastica, mentre i sottopiatti d'argento la Digos li ha fatti togliere per motivi di sicurezza.
    Così è andata in scena la protesta organizzata a Milano da Fipe e Confcommercio. "Abbiamo apparecchiato per i piccioni" sorrideva amaro un cameriere, mentre iniziava a parlare il presidente della Federazione italiana pubblici esercizi, Lino Stoppani: "Sappiamo lo sforzo che ha fatto il Governo per trovare risorse, ma serve un rinforzo degli incentivi deliberati ieri con il decreto ristori - ha spiegato -. Siamo a terra, dal punto di vista economico e morale, un settore che aveva 97 miliardi di fatturato nel 2019 ne perde 27 quest'anno. Lo paghiamo noi ma anche le città a cui i nostri esercizi danno decoro, lavoro, luce e vivibilità". A due passi c'è il ristorante Galleria di Pier Galli, che definisce "un disastro" la situazione creata dalle nuove misure anti-Covid. "Prima facevamo poco, perché il centro è a forte vocazione turtstica e gli uffici sono in smart working, però qualche spiraglio si intravedeva. Bloccarci alle 18 - ha continuato - è stato un colpo di grazia per la ristorazione, precludere la cena non ha senso. Allora, meglio un lockdown totale il più breve possibile ed efficace, però dopo la riapertura vorremmo finalmente operare. Perché abbiamo adottato tutte le precauzioni" (ANSA).

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie