Bracciante, capi ci chiamavano 'animali'

Verbale,' usavano parole come negro... e animale'

(ANSA) - MILANO, 26 AGO - "Mi ha detto che siamo dei poveracci africani che non hanno niente, poi mi ha spintonato violentemente provando a buttarmi fuori dall'ufficio e mentre mi spingeva continuava a venirmi sulla faccia e continuava ad urlare e sputacchiarmi in faccia". E' il racconto del trattamento ricevuto da uno dei 'capi' di Mohamed, uno dei circa 100 braccianti extracomunitari secondo la procura di Milano sfruttati e pagati 4,5 euro all'ora.
    Il verbale è agli atti dell'inchiesta che un paio di settimane fa ha portato al sequestro di StraBerry, l'azienda nel milanese con serre fotovoltaiche per coltivare fragole, mirtilli, lamponi e more e a indagare 7 persone tra cui il fondatore Guglielmo Stagno d'Alcontres. Lo straniero, riferendosi in particolare a due dei capi, ha spiegato che "erano molto offensivi, sempre, usavano parole come coglione, negro di merda, animali". (ANSA)

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie