Sindacati: 'Lombardia ripensi a distanza su mezzi pubblici'

'A rischio la salute di chi ci lavora e di chi li utilizza'

(ANSA) - MILANO, 02 AGO - "Liberi tutti non è certo la soluzione al problema, Regione Lombardia ci ripensi": lo chiedono Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt Uil dopo l'ultima ordinanza che ripristina la possibilità di utilizzo al 100% dei posti sui mezzi pubblici. "Con le attuali norme i numeri dei passeggeri sono in graduale crescita, il rischio di una decisione del genere - notano i sindacati - è che si faccia un passo indietro sulla fiducia nell'utilizzare il mezzo pubblico".
    L'ordinanza, per i sindacati, "mette a rischio la salute di chi lavora e di chi utilizza il trasporto pubblico locale" ed è una "decisione per la quale non è chiaro quali siano le novità scientifiche o sanitarie che inducono la regione più colpita a ripristinare la capienza massima dei mezzi" e che "non incentiverà le persone a tornare ad utilizzare i mezzi pubblici che oggi ancora vengono utilizzati al di sotto del 30%". (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Camera di Commercio di Milano
    Camera di Commercio di Milano



    Modifica consenso Cookie