A Milano si torna a pregare nella moschea di via Meda

La prima volta dopo il lockdown, vietate le strette di mano

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - Dopo mesi di lockdown, anche le comunità islamiche tornano nelle moschee. A Milano, tra le prime a riaprirsi ai fedeli per la preghiera comunitaria del venerdì, è stata la moschea di via Meda, che in tempi pre-Covid ospitava 250 persone e oggi, nel rispetto del distanziamento, può accogliere solo 70 persone.
    I fedeli hanno pregato in due turni separati per distribuirsi meglio all'interno della sala (alle 13:30 e alle 14.10) indossando mascherina e calze e utilizzando tappetini già distanziati che vengono sanificati tra un turno e l'altro. Le scarpe, che vengono tolte solitamente prima di entrare nella sala della preghiera, vengono lasciate ben distanziate sulle scarpiere. Vietate anche le strette di mano e gli abbracci della pace, ai fedeli è concesso solo un saluto con la mano al cuore.
    Durante il suo sermone, l'imam di via Meda, Yaha Pallavicini, ha ringraziato Dio per "la salute di tutta la comunità", rivolgendo una preghiera affinché si possano vivere gli ultimi giorni di Ramadan, che si concluderà questa domenica, "in questo momento particolare, con la sicurezza e con la salute sia fisica e che spirituale di tutti i fedeli, in tutta Italia". (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Camera di Commercio di Milano
    Camera di Commercio di Milano
    Aeroporto Malpensa



    Modifica consenso Cookie