A Milano inchiesta su affidamento test sierologici

Aperto fascicolo dopo esposto contro incarico Regione a Diasorin

   La Procura di Milano ha aperto un fascicolo conoscitivo sulla scelta di Regione Lombardia di incaricare con affidamento diretto la multinazionale Diasorin per la sperimentazione dei test sierologici, portata avanti in collaborazione col Policlinico San Matteo di Pavia. Lo ha appreso l'ANSA. Il fascicolo è stato aperto dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Stefano Civardi ed è scaturito dall'esposto di un'impresa concorrente, la TechnoGenetics.
    I test sierologici, ossia quelli che rilevano la presenza di anticorpi dopo infezione da Covid, sono iniziati in Lombardia il 23 aprile scorso. Sono stati sviluppati dal Policlinico San Matteo di Pavia e dalla multinazionale Diasorin.
    La TechnoGenetics, azienda di Lodi, ha presentato, però, nei giorni scorsi un esposto in Procura (tra l'altro, anche un ricorso al Tar, con udienza fissata per domani) contro l'affidamento diretto da parte della Regione alla Diasorin, società di Saluggia (Vercelli), per la sperimentazione dei test.
    Nell'esposto si contesta la legittimità dell'accordo esclusivo del 26 marzo tra Regione, Diasorin e ospedale sul progetto sviluppato dalla stessa società piemontese.
    A seguito dell'esposto della società concorrente, la TechnoGenetics, la Procura ha aperto un fascicolo conoscitivo con delega per le indagini al Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie