Lombardia

Silvia Romano: parroco,valuterà su Islam

A 'Famiglia Cristiana', non so se conversione sia stata forzata

(ANSA) - MILANO, 11 MAG - "Ho grande rispetto per la scelta di Silvia Romano e non mi permetto di giudicarla. Trascorrere 18 mesi di prigionia è qualcosa che non possiamo neanche immaginare. Se, a mente fredda, quando si sarà placato il clamore di questi giorni, lei reputa che l'Islam sia la risposta corretta per la sua esistenza, io sono solo contento". E' la testimonianza - raccolta da Antonio Sanfrancesco di Famiglia Cristiana - di don Enrico Parazzoli. Il parroco di Santa Maria Bianca della Misericordia - la parrocchia dove abita la famiglia di Silvia Romano - osserva che "però, deve fare i conti, nel suo intimo, con il suo essere donna, occidentale e persona adulta". La conversione - è stato chiesto al parroco - potrebbe essere stata forzata? "Non lo so.
    Il concetto di conversione nella cultura islamica è molto diverso rispetto a quella cristiana. Nell'Islam, la conversione riguarda un orientamento a un sistema di norme, precetti e regolamenti che servono a vivere meglio".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie