'Da Cav rapporti con ragazze a turno'

Agente vip racconta confidenze,'in stanza buia, pagate le bugie'

(ANSA) - MILANO, 13 GEN - Ad Arcore in "una stanza buia a turno le ragazze 'cavalcavano' il presidente". Così Francesco Chiesa Soprani, agente dello spettacolo, ha raccontato in aula nel processo milanese 'Ruby ter' le confidenze soprattutto di Barbara Guerra, ma anche di altre 'olgettine' sui rapporti sessuali tra Silvio Berlusconi e le giovani, spiegando anche che queste ultime, aveva saputo, venivano "remunerate per mentire nei processi". Seconda la testimonianza di Chiesa Soprani, anche Ruby gli disse che aveva avuto rapporti con l'allora premier.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa



      Modifica consenso Cookie