Lombardia

  • Uccise moglie e figli, rinuncia ad appello. 'L'ergastolo per me è giusto'

Uccise moglie e figli, rinuncia ad appello. 'L'ergastolo per me è giusto'

Sterminò famiglia nel 2014 a Motta Visconti, poi partita calcio

Carlo Lissi, che nel 2014 uccise moglie e figli a Motta Visconti, ha deciso di rinunciare all'appello perché ritiene giusto l'ergastolo a cui è stato condannato. Lissi ha scritto alla Corte d'Appello di Milano dal carcere di Pavia, dove è detenuto.
   
Il 34enne perito informatico - che all'epoca si era invaghito di una giovane collega, che non lo corrispondeva - il 14 giugno 2014 ha ucciso la moglie Maria Cristina Omes e ha accoltellato i figli Giulia, di 5 anni, e Gabriele, di 20 mesi. Dopo la strage era andato a vedere una partita di calcio.
   
Il 18 gennaio 2016 la sentenza di primo grado lo ha condannato all'ergastolo, che oggi Lissi ha deciso di scontare rinunciando all'appello e chiedendo scusa ai giudici "per la perdita di tempo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano



Modifica consenso Cookie