Liguria

Porto Imperia: giudice rigetta richiesta risarcitoria 80mln

Era stata avanzata dal Fallimento. Soddisfazione sindaco Scajola

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Il giudice civile di Imperia, Fabio Favalli ha rigettato la richiesta risarcitoria presentata dai curatori del fallimento della società Porto di Imperia, che chiedevano 80 milioni per le opere di realizzazione del porto turistico eseguite in forza della concessione demaniale, per la quale venne disposta la decadenza nel 2014, principalmente a causa del mancato pagamento dei canoni. La sentenza risale a sabato scorso. I legali del fallimento, in pratica, si erano opposti al Codice della Navigazione, che prevede la devoluzione delle opere al Demanio, senza indennizzo (quindi, gratuita), nel momento in cui scade la concessione, sostenendo l'incostituzionalità della norma. Chiedevano, quindi il riconoscimento delle opere eseguite, che secondo una perizia ammontava a 80 milioni. Vista la soccombenza e gli ingenti valori in gioco, il giudice ha condannato il fallimento a rifondere al Comune le spese di causa per oltre 150mila euro. Il Comune è stato assistito nella controversia dall'avvocato Paolo Gaggero, che si sta occupando per il Comune di tutti i diversi sviluppi amministrativi e processuali legati al porto turistico del capoluogo. "Non posso che esprimere soddisfazione per questo ulteriore esito positivo per il Comune di Imperia - ha detto il sindaco Claudio Scajola -. Nonostante le molteplici azioni legali intentate, sin qui tutte risultate vane, stiamo perseguendo fermamente lo scopo di giungere all'affidamento di una nuova concessione alla società pubblica Go Imperia, così da completare le opere, rilanciare il porto e creare quindi occasioni di sviluppo e lavoro per la città". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        MyWay Autostrade per l'Italia
        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie