Per cantieri autostrade vaccini in ritardo nel genovesato

Over 80 in attesa per 4 ore a Rossiglione, alcuni tornano a casa

 A causa delle code e dei cantieri che si sono creati stamani sull'A10 per la rottura di alcuni macchinari i vaccini destinati agli over 80 prenotati all'hub di Rossiglione sono arrivati con 4 ore di ritardo, alle 11,45 invece che alle 8. La coda ha impedito anche l'arrivo del pool vaccinale destinato a quell'hub. Molti degli anziani convocati per avere la propria dose di vaccino hanno deciso di tornare a casa e i vaccini rimasti sono stati inoculati a personale della Croce rossa. La Giunta dell'Unione dei Comuni Stura Orba Leira ha chiesto incontro urgente ad Aspi "a seguito dell'enorme disagio che stamattina ha causato anche la paralisi totale del polo vaccinale sito nella Ferriera". "I vaccini erano bloccati sulla A26/A10 che, anziché alle 6 come annunciato, ha riaperto alle 10, accumulando una coda infinita!". Il sindaco di Rossiglione Katia Piccardo è furiosa quando commenta con l'ANSA il ritardo dei vaccini. "Alla fine i vaccini sono arrivati alle 11,45. Un ritardo di quattro ore, un disservizio intollerabile. Qui c'è anche un problema di comunicazione - ha detto Piccardo -: se ci avessero avvertito, se ci avessero detto cosa stava succedendo ci saremmo messi in contatto con i medici dell'hub, con i medici degli anziani".
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    MyWay Autostrade per l'Italia
    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie