Rita Pavone, non mi preoccupo delle critiche

"Ho 74 anni, ma la mia voce non l'ha ancora capito"

(ANSA) - ROMA, 07 GEN - "Come diceva Charlie Chaplin, preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
    Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro". Rita Pavone è un fiume in piena, la gioia per essere stata chiamata in extremis da Amadeus tra i big di Sanremo (quando i giochi sembravano ormai fatti e la lista dei 22 resa nota), a 48 anni dalla sua ultima partecipazione, è incontenibile e non sono certo i commenti al vetriolo sui social sulle sue posizioni pro Matteo Salvini a rovinarle il momento. "Ho 74 anni, ma la mia voce non l'ha ancora capito. Se non mi guardo allo specchio non me lo ricordo neanche io. E dato che il tempo non si è accorto dell'errore, io vado per la mia strada. L'età anagrafica è solo per la carta d'identità e tutti hanno diritto di dimostrare le loro capacità", racconta all'ANSA, appena finita la sessione per le foto di rito in vista del festival.
    La canzone, dice, dal titolo Niente (Resilienza '74) "è una gran bella canzone, un vestito cucito addosso me, grintosa e vitale". L'ha firmata Giorgio Merk, uno dei figli dell'ex Pel di Carota e di Teddy Reno. "Non vado lì per vincere, ma per far scoprire una Rita Pavone che non è più quella del Geghegè (uno dei suoi successi), ma che sa dare ancora energia". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie