Una settimana senza mail, esperimento in azienda

Alla Gabel l'ad Colombo ha scritto ai dipendenti, riguardiamoci in faccia

  • Yuri_Arcurs iStock.
  • Gabel
  • Gabel
  • null

''Dichiariamo la settimana dal 09/11/2015 al 13/11/2015 “mail free'', firmato l'ad Emilio Colombo. Così i dipendenti della Gabel, l'azienda di tessile per la casa, hanno potuto leggere sulla loro posta elettronica. Un’intera settimana senza mail. L'idea è di riscoprire il 'faccia a faccia', la comunicazione con la voce, ristabilire relazioni tra le persone a caldo. Ci provano, anche se è soltanto una provocazione (l'idea di trovare una settimana di mail arretrate è forse persino peggio che smaltirle ogni giorno!) nella ditta comasca, una sfida controcorrente.

Riscoprire la capacità di comunicare guardandosi negli occhi e non dietro uno schermo, tra colleghi abituati – come accade in tutte le realtà lavorative – a scriversi una mail anche a poche scrivanie di distanza, perdendo tutto il bello (e anche la fatica, certo) di parlarsi “faccia a faccia”. La scommessa nasce dalla volontà dell’azienda di un ripensamento generale delle dinamiche interne, con l’obiettivo di raggiungere una sempre maggiore soddisfazione sul luogo di lavoro, andando a studiare abitudini quotidiane e meccanismi ormai consolidati per capire come essere, semplicemente, più felici.

Dall’analisi del clima aziendale, commissionata ad un esperto e che ha coinvolto impiegati ed operai con una serie di interviste e approfondimenti, sono emersi alcuni aspetti interessanti. Tra questi, l’enorme mole di mail interne, che raggiungono spesso numeri impressionanti. Un dato che colpisce ma non stupisce, trattandosi di prassi consolidate in ogni realtà lavorativa. Ma che, al tempo stesso, è risultato essere un aspetto pesante per la gestione della propria giornata, su cui hanno puntato il dito molti dei dipendenti. Così, nei giorni scorsi, è arrivata a tutti gli impiegati di Gabel una mail (una delle ultime, almeno per qualche tempo), firmata dall’amministratore delegato, Emilio Colombo: “Buongiorno a tutti voi, nel corso delle precedenti settimane abbiamo raccolto e fatto nostro ciò che pensate sia giusto per quest'azienda ed insieme abbiamo iniziato un cammino differente. Tra le diverse iniziative che saranno intraprese, partiamo tutt'insieme con il seguente esperimento, che ci riporterà indietro nel tempo, a quando la gente si parlava di più, la collaborazione era immediatamente fattiva in vista di un obiettivo e un bene comune. Per questo motivo, dichiariamo la settimana dal 09/11/2015 al 13/11/2015 “mail free”: vi invitiamo cioè a non usare le mail per le comunicazioni interne (tra colleghi presso la medesima sede), a favore di un contatto più diretto diretto e immediato. Ringraziandovi per la fattiva collaborazione, auguro a tutti buon lavoro.

” Temi centrali per Gabel, con una forte accelerazione proprio in questo periodo di cambiamento ed evoluzione, sono la condivisione e il concetto del gruppo. “Come in ogni azienda in cui interagiscono tante persone e differenti approcci, ci sono tanti ‘io’ che, grazie ad un cambio di prospettiva, possono e devono diventare ‘noi’”, sottolinea il presidente del gruppo, Michele Moltrasio. “L’obiettivo finale è solo uno, estremamente semplice ma essenziale: il benessere e la soddisfazione di tutte le persone che lavorano, in ogni ruolo e con tutti i differenti compiti e responsabilità, in Gabel”.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>