Stefano Ricci, eleganza tra bolidi d'epoca

Griffe presenta collezione 2018/19 all'autodromo del Mugello

- Le radici del territorio, le auto storiche e il Tricolore. Nasce da questi tre valori dell'italianità il nuovo messaggio che Stefano Ricci lancia al mondo della moda, presentando all'autodromo del Mugello la preview della collezione per l'autunno-inverno 2018/19. Una scelta non casuale, il Mugello è infatti in un territorio tra la sede produttiva di Fiesole e la tenuta privata di Poggio ai Segugi, ma il legame è anche con la tradizione familiare che vive di una collezione di rari esemplari di automobili, preferibilmente anni '50. "Quando abbiamo pensato alla nuova collezione - spiega Filippo Ricci, Direttore creativo della Stefano Ricci Spa - ci siamo posti come obiettivo quello di immaginare l'uomo cosmopolita immerso nella velocità di un dinamico presente. Elegante in ogni momento della giornata, vestito di una qualità senza compromessi, padrone di se stesso.

Ho pensato al Mugello, una terra che sentiamo nostra. Ho voluto osare un abbinamento con l'Autodromo del Mugello e con la velocita''. Una vita veloce insomma, per l'uomo di oggi che cerca un'eleganza grintosa e discreta. ''Il richiamo, indiretto, è un tributo al messaggio intrinseco del Futurismo che pure si sviluppò nella piazze fiorentine - continua Filippo Ricci - Ho cercato tra le immagini del 'nuovo vento', della velocità.

Marinetti nel suo Manifesto del Futurismo parlava di 'un automobile da corsa, un automobile ruggente. Ho ripensato a quando Giordano Bruno Guerri mi ha fatto riflettere sulla lettera che Gabriele d'Annunzio scrisse a Giovanni Agnelli esortandolo alla definizione femminile di un'automobile. E in questo nostro percorso di italianità la scelta del Mugello ha trovato il proprio coronamento". La collezione infatti esalta il dinamismo con capi come la tuta blu in cashmere e seta, le sneakers, l'abbigliamento per la cittàcol piumino grigio in flanella di cashmere foderato a disegni cravatteria, col bomber di coccodrillo (col logo sempre più piccolo), col jeans. Il discorso prosegue con i must have, come gli abiti gessati tono su tono o in micro-fantasia, fino alla sera con il tuxedo dell'Antico Setificio Fiorentino nero.(ANSA).

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>