Massimo Ranieri, io Riccardo vampiro d'amore

L'artista nel dark-musical di Roberta Torre

 "Mi sono sentito come Nosferatu di Murnau. Un vampiro d'amore per la mancanza dell'affetto della madre. È una storia semplice, primordiale, Riccardo deve amare ed essere amato e per lui conta poco se siano uomini, donne o ragazzine". Così Massimo Ranieri racconta a Torino il suo personaggio in 'Riccardo va all'inferno', musical noir di Roberta Torre passato oggi al Torino Film Festival nella sezione fuori concorso After Hours e in sala dal 30 novembre distribuito da Medusa in circa 100 copie.

E va detto che il cantante-attore, totalmente rasato e con voce cupa, è perfetto in questo personaggio shakespeariano maledetto anche dalla sua stessa natura, immerso come è in questo musical dark - psichedelico, rivisitazione pop del Riccardo III di Shakespeare. E se Ranieri, in questo film con le belle musiche e canzoni di Mauro Pagani, interpreta il temibile Riccardo Mancini, non manca l'alter ego al femminile, una Sonia Bergamasco (con maschera), nei panni della potente Regina Madre

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>