Colonia, in un film la storia dell'enclave nazista in Cile. Trailer esclusivo

Oggi villaggio turistico fu luogo torture Pinochet. Aperti gli archivi

  • Colonia

E' una storia drammatica, una delle peggiori degli anni della dittatura militare in Cile e recentemente è tornata alla luce anche grazie ad un film, Colonia, diretto dal premio Oscar Florian Gallenberger che uscito in Germania a febbraio ha creato un'onda di indignazione. E' la storia di quello che è oggi un villaggio turistico, Villa Baviera, ma che era un famigerato insediamento tedesco in Cile "Colonia dignidad",  a 350 chilometri a sud di Santiago del Cile, fondato nel 1961 da emigrati tedeschi guidati da Paul Schaefer, ex medico delle SS, accusato di aver creato una setta e di aver circondato l'insediamento con filo spinato, impedendo a chiunque di uscire senza il suo permesso. Secondo rapporti della Cia e del Centro Simon Wiesenthal, il villaggio fu rifugio di esiliati e simpatizzanti nazisti. Negli anni della dittatura militare cilena (1973-1990), all'interno della colonia furono tenute prigioniere e torturate diverse persone. E servì come campo di allenamento per gli agenti della Dina, la temuta polizia politica di Pinochet. Schaefer entrò in clandestinità nel 1997, nascondendosi in Argentina. Dopo il suo arresto venne processato e condannato a 33 anni di reclusione per abusi su bambini e altri delitti. Morì nel 2010 in un carcere cileno.

Qui il trailer in esclusiva del film con Emma Watson e Daniel Bhrül, al cinema il 26 maggio distribuito da GOOD FILMS. Ispirandosi agli eventi realmente accaduti, Coloni” racconta la storia di Lena e Daniel, una giovane coppia che rimane implicata nel colpo di stato militare avvenuto in Cile nel 1973. Quando Daniel viene rapito dalla polizia segreta di Pinochet, Lena segue i suoi passi fino a un’area inespugnabile che si trova nel Sud del paese, chiamata Colonia Dignidad. La “Colonia", apparentemente, è una missione guidata da un predicatore laico di nome Paul Schäfer ma, nella realtà, è un luogo dal quale nessuno è mai riuscito a fuggire. Lena deciderà di entrare a far parte di questa setta allo scopo di ritrovare Daniel.

Anche grazie al film i documenti che sarebbero dovuti restare segreti ancora per dieci anni sono stati resi accessibili dalle autorità tedesche. Il ministro cileno degli Esteri, Heraldo Munoz, ha detto che "queste informazioni contribuiranno a chiarire le circostanze dei molti crimini" avvenuti nella Colonia Dignidad, ricordando che in quel luogo "ci sono state torture, abusi di minorenni e sparizioni di persone", ha sottolineato Munoz.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>