'Interstellar' di Nolan, McConaughey così salvo l'umanità

A San Diego al Comic-Con a sorpresa regista e protagonista presentano film attesissimo. Star Wars e 2001 Odissea nello spazio i cult

  • Interstellar il nuovo film di Christopher Nolan
  • Interstellar il nuovo film di Christopher Nolan
  • Interstellar il nuovo film di Christopher Nolan

(di Francesca Pierleoni)

   (ANSA) - ROMA - Il progetto ''più ambizioso che Christopher Nolan abbia mai realizzato. Quando lo vedrete, capirete perché''. Così Matthew McConaughey, arrivato a sorpresa al Comic-con di San Diego insieme al cineasta, ha descritto Interstellar, l'attesa avventura fantascientifica, scritta dal regista insieme al fratello Jonathan Nolan. Il film che comprende nel cast, fra gli altri anche Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, Casey Affleck, Matt Damon, Ellen Burstyn e John Lithgow, uscirà il 6 novembre in Italia (un giorno prima del debutto Usa), distribuito da Warner Bros. L'incontro del pubblico con l'attore premio Oscar e Christopher Nolan, è stato preceduto, dall'anteprima di un nuovo trailer e di alcune scene della pellicola.

La storia è ambientata in un imprecisato futuro, nel quale, a causa di un brusco cambiamento climatico, le scorte alimentari sulla Terra sono sempre più scarse. Un gruppo di scienziati organizza una spedizione interstellare alla ricerca di nuovi possibili mondi, da compiere attraversando un "wormhole' (tunnel spaziale), con cui superare le limitazioni fisiche del viaggio e coprire le immense distanze. A far parte del gruppo di 'viaggiatori stellari', viene chiamato anche Cooper (McConaughey), ingegnere e pilota, padre vedovo di due bambini, che si era lasciato alle spalle la carriera aerospaziale.

''Quando succede qualcosa che gli presenta la possibilità di partecipare alla più grande missione mai realizzata, il mio personaggio deve confrontarsi con la scelta di lasciare da soli i suoi due figli'' ha spiegato MacConaughey. Per lui Nolan ''è un regista che cerca un approccio originale a tutto. Non riprende mai qualcosa di già fatto''. Al tempo stesso, è un cineasta con la capacità di lavorare in maniera molto veloce: ''Per ogni scena non sono serviti più di due o tre ciak'' ha detto l'attore. Parlando di Insterstellar, il regista di Inception ha spiegato di essere da sempre ''un grandissimo fan della fantascienza e soprattutto sono cresciuto in un'era nella quale essere un astronauta, esplorare lo spazio sempre più oltre, era l'ambizione più grande. Questa però è fortemente decaduta. Siamo in un periodo di incredibile cambiamento tecnologico, ma che riguarda quello che abbiamo in tasca, o nel nostro salotto. Mi piace l'idea (nel film, ndr) di essere all'apice di una nuova era, in cui viaggiare di più fuori dal nostro mondo".

Interstellar combina diverse tecniche di effetti speciali ma il design della nave spaziale ''volevo fosse il più possibile realistico, anche per gli attori. Volevo le emozioni dei personaggi coinvolti in un viaggio come quello riflettessero quelle del pubblico, che per me sono sempre primarie'' Il film, secondo Nolan ''riguarda gli esseri umani, cosa significhi essere 'umano' e quale sia il nostro posto nell'universo''. Tra i film di fantascienza che l'hanno più influenzato, Nolan cita Star wars, e soprattutto 2001 Odissea nello spazio ''che ho visto da bambino insieme a mio padre sul grande schermo. Mi ha fatto un'enorme impressione. La mia ambizione per Interstellar, non è ripetere la grandezza di quel film, perché sarebbe impossibile, ma lasciare nei ragazzi che lo vedano una simile idea di viaggio memorabile''

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>