Percorso:ANSA > Legalità > Speciali > Falcone: l'entusiasmo dei giovani contagia Palermo

Falcone: l'entusiasmo dei giovani contagia Palermo

Da piazza Magione a parco Cassara' a Corleone a ritmo di rock

24 maggio, 10:47
FALCONE:CARROZZA A STUDENTI,NON DIMENTICATE DATA 23 MAGGIO FALCONE:CARROZZA A STUDENTI,NON DIMENTICATE DATA 23 MAGGIO
Correlati

  (dell'inviato Martino Iannone)
(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - E' stata la musica, anche quella contemporanea, che tanto loro piace, la protagonista delle piazze, delle strade e degli happening delle migliaia di giovani di Palermo e della Sicilia e di quelli che, da tutta Italia e da 19 paesi europei, hanno invaso il capoluogo isolano per il 21/mo anniversario della strage di Capaci.
   Dallo sbarco delle navi della Legalita' al porto, all'aula bunker dell'Ucciardone, ai villaggi della legalita' in piazza Magione e al Parco Cassara' fino a Corleone e durante il corteo conclusivo per le strade cittadine all'albero di Falcone, i tantissimi giovani interpreti della giornata, tutti con indosso l'inconfondibile t-shirt bianca con la scritta ''Le rotte della Legalita''' e il pensiero di Giovanni Falcone ''Gli uomini passano le idee restano'', hanno cantato e suonato anche proprie composizioni intonate anche da chi, loro coetanei, li seguiva e li ascoltava.
   Uno dei luoghi simbolo dell'evento, il ''Villaggio della Legalita''' allestito in Piazza Magione, il quartiere dove sono cresciuti i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Gli studenti sul palco allestito ad hoc, si sono alternati in vari momenti musicali e di ballo accompagnando gli artisti che si esibivano. Tra i momenti di maggiore festa e partecipazione, quando il gruppo musicale 'Fattori recessivi' ha intonato 'Silenzio', l'inno ufficiale dell'evento dedicato alla memoria di Falcone, Borsellino e delle vittime di mafia. Tanti gli stand allestiti, tra cui quello del ''Centro Studi Paolo Borsellino''. Un gazebo per promuovere il concorso lanciato dal Centro in collaborazione con il Miur dal titolo ''Quel fresco profumo di liberta'' per la produzione di video, film e documentari che si ispirano alla frase pronunciata da Borsellino e diventata il leit motiv dell'attivita' giudiziaria del magistrato e del suo lavoro fuori e dentro il Palazzo di Giustizia.
   ''E' una gioia vedere oggi tanti ragazzi e ragazze portare la vita e la gioventu' - ha detto Rita Borsellino, parlando agli studenti - in luoghi ritrovati di Palermo come il Parco Ninni Cassara' o piazza Magione. E' sulla memoria del passato che dobbiamo costruire il presente perche' diventi futuro''. ''Cosi' tanta partecipazione in luoghi che a lungo sono rimasti senza vita - ha aggiunto - e' una grande fonte di energia ed entusiasmo per continuare a fare, ad andare avanti, nonostante tutto, per le nuove generazioni''.
    La terza piazza della legalita' si e' celebrata a Corleone per mandare, attraverso i suoi studenti un messaggio di rottura e cambiamento con un passato di complicita' ingombranti di cui i giovani si sono liberati. Nonostante la pioggia quasi tremila studenti hanno riempito la piazza principale, ribattezzata 'Falcone e Borsellino' con laboratori e attivita' condotti insieme a forze dell'ordine e associazioni. E a Corleone, e' giunta accolta dal coro degli studenti locali, il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza, che, nel complesso di Sant'Agostino ha per visitato la mostra fotografica ANSA 'Falcone e Borsellino venti anni dopo'. E la musica, che ha fatto da filo conduttore per tutta la manifestazione, e' tornata ancora una volta protagonista con l'inno scolastico intonato dagli studenti: ''Io sono corleonese''. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA