Lazio
  • Elezioni a Roma: Calenda attacca il Pd. 'Esposto su sondaggi fake'

Elezioni a Roma: Calenda attacca il Pd. 'Esposto su sondaggi fake'

Orlando, alleanza con 5s via obbligata. Letta, saremo primo partito

Il Partito Democratico ci spera: vincere al ballottaggio a Roma e, poi, portare a casa la prima poltrona di Palazzo Senatorio, magari proprio con l'aiuto degli elettori del Movimento 5 Stelle. Mentre la battaglia per le amministrative volge al termine in tutta Italia, è in particolare sulla Capitale che sono puntati i riflettori dei partiti. I dem sono certi di passare il primo turno, anche se avvertono soprattutto l'insidia di Carlo Calenda, il leader di Azione che piace un po' a destra e un po' a sinistra e abbastanza al centro, e un po' di Virginia Raggi, la sindaca che punta al bis e che andrà ad attingere ad un bacino elettorale simile a quello dei democratici.

Al Nazareno i conti li hanno già fatti: le metropoli al voto sono cinque - Roma, Milano, Napoli, Bologna e Torino - vincerne tre sarebbe "soddisfacente", di più sarebbe considerato un "trionfo". Il Movimento 5 stelle corre insieme ai dem 'solo' in due dei grandi centri, Napoli e Bologna (oltre che in Calabria). Il resto delle alleanze si dovrà consolidare in fase di ballottaggio, se ci si arriverà. Il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri (Pd) ha già detto no ad apparentamenti annunciando però che, in caso di vittoria, si rivolgerà agli elettori del M5s e di Calenda. E chissà che poi non arrivi qualche endorsement anche dall'alto. Per ora dal Movimento pensano ad altro: Giuseppe Conte insieme a buona parte dei big a 5 stelle chiude la campagna elettorale insieme a Raggi. E il refrain è uno solo: "A vincere sarà lei". Ma il segretario Enrico Letta è fiducioso: "Prima del primo turno ognuno dice 'votate per il mio candidato'. Io sono convinto fortemente che al secondo turno ci saranno convergenze sostanziali, non credo formali, perché con questo sistema di voto sono superate". E il ministro Andrea Orlando è ancora più netto, definendo "l'alleanza con il M5S ai ballottaggi una strada obbligata, è il modo per battere la destra". Ma, c'è l'incognita Calenda che si dice sicuro "di andare al ballottaggio con Gualtieri". Se è vero che, dopo l'apprezzamento espresso al capo di Azione dal leghista Giancarlo Giorgetti che ha agitato le acque del centrodestra, ora anche nel fronte contrapposto è temuta quanto basta. In particolare dopo la chiusura a Piazza del Popolo, il bacino delle grandi manifestazioni romane, dove - afferma il Comitato Calenda- è stato un successo "con 5000 persone". "Bisogna capire se arriverà al terzo o al quarto posto. Di sicuro ci toglie voti", pronostica un dirigente locale dei democratici, dando per assodato che al ballottaggio ci andrà Gualtieri con il candidato del centrodestra Enrico Michetti.

"Calenda è il candidato di Calenda, sta facendo la sua campagna, noi invitiamo a votare Gualtieri", chiosa Letta. Gualtieri, già ministro delle finanze nel Conte bis, chiude invece nel quartiere difficile e periferico di San Basilio insieme al governatore Nicola Zingaretti e punta ancora più in alto: arrivare primo il 3 e 4 ottobre. "Non ci possiamo rilassare perché" vincendo il primo turno, "avremo altre 2 settimane di lavoro - afferma -. Noi non abbiamo voluto fare una chiusura tutti in un posto, ma in 15 piazze" perché "vogliamo una città che costruisce politiche di prossimità. E' il segno di come governeremo e cambieremo Roma". A suo avviso "non è più tempo di seconde possibilità per chi ha fallito la prima", la stoccata a Raggi. Ma è Zingaretti che affonda: "Il voto è anche un giudizio" e quindi "dire con grande serenità che non merita di essere votata chi ha governato male Roma. Non esistono problemi irrisolvibili, è l'incapacità di chi governa. Votiamo Gualtieri per una nuova stagione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma



Modifica consenso Cookie