• Shoah: a Roma pietre d'inciampo per due studenti-partigiani

Shoah: a Roma pietre d'inciampo per due studenti-partigiani

La posa oggi a Montesacro, nell'ambito progetto Liceo Aristofane

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Ferdinando Agnini e Orlando Orlandi Posti. Due ragazzi, studenti e partigiani combattenti che furono imprigionati e torturati nel carcere Nazista di Via Tasso e trucidati alle Fosse Ardeatine. A ricordare la loro storia sono le pietre d'inciampo poste oggi davanti alle loro abitazioni, nel quartiere Montesacro a Roma, nell'ambito della "Settimana della Memoria". In via Monte Tomatico, in ricordo di Agnini: ucciso quando aveva 20 anni, fu tra i fondatori dell'Associazione Rivoluzionaria Studentesca Italiana (Arsi) e del periodico studentesco clandestino "La nostra lotta". In via Monte Nevoso per Orlando Orlandi Posti: ucciso a 18 anni, fu caposquadra partigiano del Partito d'azione. Partecipò alla battaglia di Porta San Paolo il 10 settembre del '43. Fu attivo in azioni militari contro pattuglie naziste tra il '43 e il '44.
    Questa iniziativa, ha detto Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio, "è una ricchezza per tutto il territorio che contribuisce a renderci, sempre di più, una comunità viva e vivificante. Un merito, in questo, va riconosciuto anche agli studenti e alle studentesse del Liceo Aristofane che da anni, raccontano e ricercano le tracce, le persone e i volti della resistenza nel nostro territorio".
    L'iniziativa, nell'ambito di "Memorie d'inciampo a Roma", è frutto del lavoro di studenti e studentesse del liceo classico e linguistico Aristofane che da quattro anni partecipano al progetto "Il fiore del partigiano" - Pcto, in collaborazione con l'Istituto Romano Storia d'Italia dal Fascismo alla resistenza (Irsifar). "È un progetto - spiegano i promotori - che vuole restituire al territorio in cui il liceo è inserito Montesacro - Valmelaina- Tufello la memoria dei movimenti resistenziali attivi qui nei mesi di Roma citta aperta. Si tratta di riscrivere la storia di partigiani giovani e meno giovani che per la loro lotta hanno perso la vita a Forte Bravetta ed alle Fosse Ardeatine. Si cerca di costruire un vero percorso della memoria attraverso la posa delle pietre d'inciampo di fronte alle abitazioni di questi partigiani". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma



        Modifica consenso Cookie