Dall'Ongaro (S.Cecilia), riaprire almeno alcuni spazi

Emergenza ci ha resi più ingegnosi, knowhow da non disperdere

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - ''Questa situazione va in qualche maniera sbloccata, una riapertura di almeno alcuni degli spazi destinati allo spettacolo potrebbe essere un primo passo per una forma di avvicinamento graduale a una vera ripresa perché altrimenti si corre il rischio che la gente perda l' abitudine''. Michele Dall' Ongaro, sovrintendente dell' Accademia Nazionale di Santa Cecilia, non perde l' ottimismo nonostante il nuovo slittamento del via libera alle sale da concerto. ''E' molto difficile - dice all' ANSA - trovare un punto di equilibrio tra la garanzia del rispetto delle condizioni per tutelare la salute e la ripresa dell' attività artistica con la presenza degli spettatori. Noi abbiamo sempre sostenuto che i teatri con tutte le procedure adottate hanno le carte in regola, come nel nostro caso, per la massima sicurezza del pubblico e che quindi ci sentiremmo di poter riaprire i nostri teatri in qualsiasi momento. Senza forzare la mano pensiamo che si potrebbe riprendere l' attività''.
    L' emergenza in corso da quasi un anno ha fatto riflettere. ''Abbiamo imparato - osserva Dall' Ongaro - che alcuni beni immateriali non sono un lusso ma rispondono a una bisogno profondo del genere umano e che quindi sono beni di prima necessità. La musica è una forma straordinaria di contatto. Per questo non bisogna spegnere la luce, tutti devono mantenere vivo questo presidio di civiltà, anche la più piccola istituzione con un minuscolo concerto''.
    Le difficolta maggiori per l' Accademia Nazionale? ''Stiamo portando avanti caparbiamente la programmazione con ricavi zero - rimarca Dall' Ongaro -. Non abbiamo introiti dalla biglietteria e ringraziamo molto i nostri soci privati, le aziende, i mecenati e gli abbonati che ci sostengono. Dall' inizio dell' emergenza il danno subìto è di milioni di euro.
    Stiamo rimborsando i biglietti venduti ma per gli abbonamenti aspettiamo per capire se possiamo recuperare dei turni''. Il sovrintendente di S. Cecilia ribadisce l' importanza della proposta fatta da Maurizio Pollini e sulla quale un po' tutte le fondazioni concordano: i lavoratori della musica dovrebbero poter accedere ai vaccini quanto prima per poter ripartire in tutta sicurezza con gli spettatori in sala. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma



        Modifica consenso Cookie