• Roma: 'Via negri', cacciata famiglia da casa popolare a San Basilio

Roma: 'Via negri', cacciata famiglia da casa popolare a San Basilio

Barricate dei residenti per non farli entrare, 5 denunciati

Sono scesi a decine dai palazzi popolari di San Basilio, periferia di Roma, per impedire che una famiglia di cittadini marocchini con tre figli piccoli prendesse possesso della casa popolare che gli era stata assegnata. "Qui non vogliamo negri. Tornate a casa col gommone" avrebbero detto alcuni abitanti. L'arrivo della polizia ha evitato il peggio. Cinque abitanti sono stati denunciati. La famiglia, con tre bimbi al seguito, impaurita ha rinunciato alla casa.

La rivolta di decine di abitanti delle case popolari di San Basilio è avvenuta nella tarda mattinata quando la famiglia con tre bimbi al seguito, 1, 4 e 7 anni, è arrivata sul posto. Nei giorni scorsi era stato effettuato lo sgombero degli inquilini abusivi e oggi si sarebbe dovuto procedere all'assegnazione alla famiglia che ne aveva diritto. Secondo quanto si è appreso, al momento sono 5 i residenti denunciati ma proseguono le indagini per risalire agli altri responsabili della "rivolta" attraverso foto e immagini effettuate dai vigili. La famiglia, con i bimbi in lacrime, è andata via. La presenza degli agenti della polizia municipale del Gruppo Spe, guidato da Antonio Di Maggio e del Gruppo Tiburtino, ha evitato il peggio.

Forse racket alloggi e business droga - Dietro la rivolta razzista che ha impedito stamani a Roma alla famiglia marocchina, regolarmente assegnataria, di prendere possesso del suo alloggio popolare forse il racket delle occupazioni abusive e il business della droga. Questa l'ipotesi della polizia municipale che ha denunciato finora cinque residenti per violazione della legge Mancino. Secondo quanto si è appreso, le tensioni sono durate un paio di ore e gli agenti erano pronti a "forzare" il blocco imposto dagli abitanti, ma ciò non è avvenuto perché la famiglia ha rinunciato a voler abitare lì. A quanto riferito, l'alloggio era stato sgomberato alcune settimane fa perché occupato abusivamente e questa mattina sarebbe dovuto essere consegnato ai legittimi assegnatari. La famiglia marocchina, con tre figli, è composta da madre disoccupata e operaio edile con reddito annuo di 12mila euro. Il quartiere di San Basilio è considerata una delle principali piazze di spaccio della capitale e le case popolari spesso vengono usate come punti di guardie dalle "vedette" che poi avvisano i pusher quando ci sono operazioni di polizia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma



Modifica consenso Cookie