• Roma: Raggi in Antimafia, situazione patrimonio disastrosa, mancano dati

Roma: Raggi in Antimafia, situazione patrimonio disastrosa, mancano dati

Zingaretti denuncia Buzzi per calunnia VIDEO

"Abbiamo fatto una lunga audizione e raccontato le azioni che stiamo ponendo in essere per sradicare la mafia, quindi riportare la legalità, ripartire dalle procedure di gara, con uno scadenzario effettivo per non andare più in proroga come è sempre stato fatto". Cosi' la sindaca di Roma Virginia Raggi in una breve dichiarazione alla stampa dopo l'audizione in Commissione antimafia. "E poi ancora un controllo del bilancio, un controllo degli appalti - ha detto ancora Raggi - un controllo dei soggetti che contrattano con la Pubblica amministrazione. Ho parlato molto, parleremo ancora, ci rivedremo".

 

"Sul patrimonio - ha detto ancora la Raggi - abbiamo trovato una situazione disastrosa: Roma non conosce il proprio patrimonio immobiliare, che per anni é stato affidato a società esterne". "La Romeo Gestioni dopo la fine del contratto ha portato via tutti i dati su pc - ha affermato Raggi - e poi ci ha restituito cento bancali di carte. Ci vorrebbero secoli per esaminarli. C'é un contenzioso aperto e dobbiamo recuperare i dati dalla Romeo Gestioni in qualche modo".

Raggi: Campidoglio ha necessità di rafforzare propri anticorpi

 

Non é stato ancora fissato il giorno del seguito dell'audizione della sindaca di Roma Virginia Raggi in Commissione parlamentare Antimafia. Diversamente da quanto scritto in precedenza la data di martedì prossimo - 25 ottobre - era stata soltanto ipotizzata dalla presidente Rosy Bindi e non c'é stata alcuna convocazione ufficiale. Gli staff stanno confrontando le agende della sindaca e della commissione per fissare una data.

Mafia Roma: Zingaretti denuncia Buzzi per calunnia - "Ho denunciato Salvatore Buzzi per le calunnie sul mio conto e chiederò io stesso di essere sentito nel processo contro di lui". E' quanto si legge in una nota di Nicola Zingaretti dopo la decisione di avvalersi della facoltà di non rispondere nel processo a Mafia Capitale. Nella nota affidata ai giornalisti presenti nell'aula bunker di Rebibbia che "durante le sue deposizioni in carcere nell'estate del 2015, il signor Buzzi ha accusato me ed altre decine di persone di aver commesso alcuni reati. Io ho subito denunciato il signor Buzzi per calunnia ed ora attendo il processo a suo carico". Zingaretti aggiunge che "per verificare le accuse di Buzzi la procura ha aperto su di me delle indagini ed ora, sempre la procura, ha chiesto al gip per me, e per altre decine di persone, l'archiviazione. Si è determinata una situazione paradossale - conclude la nota - in cui sarei stato chiamato a giustificarmi dalle false accuse mosse da Buzzi quando dovrebbe essere lui a spiegare perché me le ha rivolte. Non mi sottrarrò al dovere della trasparenza e dal rendere pubblici tutti i fatti di mia conoscenza. Chiederò io stesso di essere sentito come teste nel processo per calunnia conseguente alla mia denuncia nei confronti di Buzzi".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma



Modifica consenso Cookie